22 Giugno 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Da oggi in libreria il nuovo romanzo del cinisellese Stefano Gianuario

“Ci penseremo domani” è il nuovo romanzo di Stefano Gianuario, edito da Morellini. L’autore cinisellese, giornalista e scrittore, porta nelle librerie da oggi quest’opera che narra di un incontro casuale. La scena si snoda in un bistrot in una splendida serata di fine estate: un ex conduttore televisivo, affascinante ma privo di stimoli, conosce una giovane donna, che lavora controvoglia nel locale del fratello ma che vorrebbe affermarsi come artista.

Le affinità elettive esistono e scatenano magia, sembra suggerire Gianuario, che con la sua scrittura nitida e profonda, riesce a muovere con un’intensità inedita i due unici personaggi in scena. Qualcuno potrebbe suggerire al giovane autore di trasferire anche su un palco questo testo pregevole, perché di certo funzionerebbe. Ma la forza dei dialoghi e l’intensità dei sentimenti incollano il lettore al libro e lo tengono lì fino all’ultima pagina.

L’universalità del linguaggio delle anime sfonda la barriera generazionale tra i due protagonisti e ci regala l’inizio di qualcosa che non risparmierà sorprese e batticuore. Da leggere d’un fiato, come il primo bicchiere di buon vino bianco e fresco che il protagonista maschile assapora aprendo una lunga e inaspettata serata che gli cambierà la vita.

“Ci penseremo domani” è il terzo libro scritto da Gianuario. L’autore, ancora trentenne, è stato un enfant prodige con il suo apprezzatissimo “Le cose di Jack”, uscito nel 2004 quando era appena maggiorenne. Qualche anno fa ha pubblicato l’avvincente “Vanilla Scent”, confermandosi una voce unica ed originale nel panorama degli autori emergenti italiani. Ora il nuovo romanzo per Morellini, editore milanese con sede al quartiere Isola, consacra la maturità artistica di questo autore raffinato ed esperto ma con ancora molte belle storie da raccontare.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

ANPI Cinisello, iniziativa contro violenze di Israele in Palestina

Articolo successivo

Riapre il teatro del Bì, la prima di Cividati è sold-out

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *