13 Luglio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Il sindaco influencer ossessionato dalla sinistra (e dalla Schlein)

Il sindaco leghista di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, ha una grande attività social. La sua principale pagina facebook è seguita da quasi 180mila followers. Numeri davvero importanti per un amministratore di una città di poco più di 80mila abitanti. Un successo in piena regola che si spiega coi contenuti su cui si fonda. Il profilo è una mitraglia di post, 4 o 5 al giorno, dove il sindaco prende di mira tutti gli avversari del suo partito, la Lega di Salvini, nel quale si imbarcò qualche anno fa, proveniente da Forza Italia.

Ce n’è per tutti, dalla nuova segretaria del PD Elly Schlein, su cui l’accanimento è quasi ossessivo, alla sempre odiata Boldrini, dagli immigrati clandestini agli anarchici. Da Conte alla Litizzetto. Denunce del degrado italico, del microcrimine, della violenza della sinistra. Riprende fatti di cronaca, impasta notizie, cuce commenti di talentuosi giornalisti di destra, c’è anche spazio per un commosso saluto a Maurizio Costanzo e alla defunta moglie di Lino Banfi.

Insomma in minestrone corredato da foto e titoloni colorati che ricordano molto lo stile della bestia di salviniana memoria. In quel profilo non c’è traccia del Di Stefano sindaco, della sua attività amministrativa e soprattutto dei problemi di Sesto San Giovanni. E la cosa pare funzionare, il Di Stefano politico a tutto tondo incassa migliaia di like, applausi e notorietà da un certo popolo del web.

Dei problemi di Sesto non c’è traccia però nemmeno nel secondo più riservato profilo facebook del sindaco. Quello dedicato all’attività in comune. Il gladiatore del sovranismo salviniano quando indossa la giacchetta da sindaco si trasforma in un docile e amabile giovanotto che si rimbocca le maniche e con proverbiale buonsenso cerca, quotidianamente, di sistemare i disastri causati dalla sinistra in 70anni di “malgoverno” e di rendere più bella la città.

Mancano tante notizie sul profilo di Di Stefano, purtroppo. Come quella odierna, relativa allo sfratto ad una madre con figlia minorenne a cui, secondo Unione Inquilini, nessuno ha pensato di fornire una sistemazione temporanea.

Fabrizio Vangelista

Giornalista, scrittore. Direttore de La Città

Articolo precedente

ITK Skating ottime prove ai campionati italiani indoor

Articolo successivo

Parte dai mercati la campagna di Galliano. “Sto tra la gente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *