21 Maggio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Attacchi fascisti, folla al Parco Nord per dire basta

“Chiediamo scusa ai deportati e perseguitati del nazismo e del fascismo per non essere stati in grado di impedirne il ritorno”. Sono le parole di Alessandro Padovani, presidente di Aned di Sesto San Giovanni e Monza durante il suo intervento nel presidio di questa mattina al Parco Nord, organizzato dopo il ritrovamento, la scorsa settimana, di una grande svastica a poche decine di metri dal Monumento al Deportato.

Ad ascoltarlo una folla pacifica che ha voluto testimoniare vicinanza e solidarietà al ricordo dei deportati, la cui memoria è stata oltraggiata da quella svastica, ricavata dalle assi di una staccionata del parco e da un altro atto vandalico, avvenuto qualche giorno prima, che ha parzialmente rovinato una pietra inserita nel monumento.

Dure le parole di Aned e di Anpi nei confronti dei rigurgiti nazi-fascisti che sembrano moltiplicarsi in queste ultime settimane, come il pestaggio dei liceali del Michelangelo di Firenze ad opera di militanti di destra, vicini a Fratelli d’Italia. Molto criticato il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara che ha minacciato provvedimenti disciplinari contro la preside del Liceo fiorentino, Annalisa Savino, colpevole a suo dire di aver inviato una lettera agli studenti in cui si parla di pestaggi di strada come la radice del fascismo.

Erano presenti i comuni del Nord Milano, anche se alcune assenze si sono fatte sentire: mancavano i sindaci di Sesto san Giovanni (città che ha pagato il prezzo più alto di vite nelle deportazioni del 1943), Bresso e Cusano Milanino che hanno inviato i loro vice. Molta invece la gente comune che ha voluto esserci per esprimere indignazione per i fatti accaduti. Al termine degli interventi un corteo silenzioso si è mosso verso il luogo esatto del ritrovamento della svastica per stendere un drappo col simbolo dei deportati.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Meno banchi, il mercato si sposta in piazza Soncino

Articolo successivo

Schlein stravince nel Nord Milano. Ecco i numeri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *