3 Febbraio 2023

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

La piazza c’è. Ghilardi la inaugura con Salvini, Fontana (e molte polemiche)

“Le basi dell’opera che inauguriamo questa mattina sono state poste più di dieci anni fa, forse anche quindici anni fa, e anche da una fortissima spinta dei comitati degli abitanti di quartieri che ringrazio per la sollecitazione, per la costanza e l’impegno e l’amore che dimostrano per la nostra amata città”. Sono le parole del sindaco Giacomo Ghilardi, durante l’inaugurazione odierna della piazza sopraelevata sulla A4 al quartiere Crocetta.

“Cito solo due nomi che saranno riconosciuti come rappresentativi, continua Ghilardi: grazie a Celeste Galbiati, rappresentante per decenni del comitato Crocetta e grazie anche a Don Alberto per il silenzioso lavoro quotidiano accanto alle persone e per le persone e grazie a tutti voi che avete fatto sentire la vostra voce e la vostra cittadinanza attiva, ed è proprio da qui che è iniziata e proseguita l’azione di ascolto della nostra amministrazione che ha risposto proponendo migliorie progettuali”, ha continuato il sindaco.

Nessun accenno o ringraziamento alle passate amministrazioni di centrosinistra che hanno voluto e progettato l’opera a favore del quartiere, densamente popolato, soffocato e diviso dal passaggio dell’autostrada. La scelta di non voler ringraziare i precedenti sindaci ha già scatenato numerose polemiche politiche soprattutto da parte del PD. Ghilardi, accompagnato ad inaugurare la piazza dal ministro alle Infrastrutture Matteo Salvini e dal governatore lombardo Attilio Fontana, ha comunque tirato dritto.

L’opera è comunque davvero importante. L’intervento, del valore di 1,6 milioni di euro, permetterà di recuperare uno spazio di circa 7.000 mq e rientra nell’ambito del più ampio progetto di realizzazione della IV corsia dinamica sulla A4 lunga 10 km – del valore di 240 milioni euro – che ha previsto anche la costruzione dei 435 metri di galleria fonica tra via Matteotti e via Friuli, i cui lavori si sono conclusi a ottobre del 2020.

L’intero progetto rispecchia un nuovo modo di concepire lo sviluppo della rete autostradale, sfruttando innovazione e tecnologia per consentire di adeguare la capacità delle infrastrutture alle aumentate esigenze di traffico, secondo i principi della sostenibilità e della riqualifica degli insediamenti urbani. Ne è un esempio la stessa galleria fonica che in un’ottica green è stata dotata di pannelli fotovoltaici per una potenza complessiva di circa 200 kW e di impianti di illuminazione led a basso consumo, come tutto il nuovo tratto potenziato.

Fabrizio Vangelista

Giornalista, scrittore. Direttore de La Città

Articolo precedente

“Ghilardi inaugura opere ideate da altri ma condanna la città al declino”

Articolo successivo

L’oblio dei fatti, sfregio alla verità storica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *