1 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Un parco al generale Dalla Chiesa. Oggi l’intitolazione alla presenza dei figli

Un parco cittadino di Cinisello Balsamo, quello tra via Cilea e via Da Giussano, è stato dedicato oggi alla memoria del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. La cerimonia di intitolazione ha aperto le celebrazioni previste per il IV novembre, Giorno dell’Unità Nazionale e giornata delle Forze Armate alla presenza dei figli Nando, Rita Dalla Chiesa e della nipote Dora, oltre al sindaco Giacomo Ghilardi, alla Giunta, ai rappresentanti delle Forze dell’Ordine e ad alcune classi dell’Istituto comprensivo Zandonai.

Quest’anno si è scelto di porre l’attenzione su una figura rappresentativa. Carlo Alberto Dalla Chiesa, è entrato nell’arma durante la seconda guerra mondiale e ha partecipato alla Resistenza, come comandante della Legione Carabinieri ha indagato su Cosa Nostra, è stato nominato coordinatore delle forze di polizia per la lotta contro il terrorismo. Nel 1982 è stato chiamato come prefetto a Palermo e, pochi mesi dopo il suo insediamento, è stato ucciso nella strage di via Carini in cui morirono anche la moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta Domenico Russo.

La sua intelligenza, la sua capacità di innovazione nell’approccio investigativo e la sua fedeltà ai valori della Repubblica, uniti a straordinarie doti umane, ne hanno fatto uno dei simboli della lotta alla criminalità nel nostro Paese.

“Per onorare Carlo Alberto Dalla Chiesa, figura simbolo della lotta al terrorismo e alla mafia, abbiamo deciso di dedicare un luogo molto frequentato come un parco, in un quartiere come sant’Eusebio, per sottolineare il valore della legalità e come richiamo per tutti i cittadini e in particolare per le nuove generazioni. Con diverse iniziative come Istituzione abbiamo voluto essere in prima fila nella battaglia contro la corruzione. Occorre continuare a dare segnali concreti perché cresca sempre di più la cultura dell’onestà e il senso della giustizia”, ha dichiarato il sindaco Giacomo Ghilardi.

Domenica 6 novembre 2022 si celebrerà la festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate con il consueto corteo per la deposizione delle corone ai monumenti, alle lapidi e ai cippi commemorativi della città. Il ritrovo è alle 9.30 presso il Monumento ai Caduti di via delle Rimembranze, il corteo aperto dalla Filarmonica Paganelli proseguirà fino a via della Libertà/angolo via Cantore per l’alzabandiera e la deposizione della corona al Monumento ai Caduti per la libertà, la democrazia e la Patria. Alle 10 sarà celebrata la Santa Messa nella Chiesa di Sant’Ambrogio, seguirà in piazza Gramsci, l’intervento del sindaco Giacomo Ghilardi.

Fabrizio Vangelista

Giornalista, scrittore. Direttore de La Città

Articolo precedente

Ho messo le ali, un racconto per pensare

Articolo successivo

A Cinisello arriva il custode a domicilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.