1 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Degrado e scarichi abusivi, dopo anni arrivano le fototrappole

Contro lo scarico illecito di rifiuti finalmente arrivano le fototrappole anche a Cinisello Balsamo. Ci sono voluti più di quattro anni di governo della giunta di centrodestra, ferma sostenitrice della videosorveglianza quasi ovunque, per riuscire a dotare la città del controllo più urgente, vista la situazione di degrado che investe molti quartieri e parchi cittadini.

Grazie ad un contributo economico di Regione Lombardia, Cinisello avrà nuovi occhi elettronici per immortalare e (si spera) riuscire a sanzionare, i responsabili che lasciano sacchi di spazzatura o scarcihi illeciti per le strade o ei parchi urbani.

Le fototrappole ad attivazione automatica consentono la ripresa fotografica e la registrazione video. Inoltre, le dimensioni compatte le rendono facilmente mimetizzabili e rapide da posizionare con cavi di sicurezza e contenitori antifurto.

Grazie a questa apparecchiatura potranno essere sorvegliate sia le aree ai margini dell’area urbana più soggette a gesti incivili, sia le aree verdi organizzate e regolamentate, vista le notevoli superfici di estensione in città: dai parchi sovracomunali come il Parco Nord e il Parco del Grugnotorto, a quelli racchiusi nel tessuto urbano, come Parco della Costituzione, Parco della Pace; si ricordano poi i giardini storici di Villa Ghirlanda Silva e di Villa Forno, e i giardini pubblici particolarmente importanti per la quotidianità dei cittadini e dei quartieri, tra cui si citano i giardini di via Terenghi, via Romagna, via Adamoli/Giovagnoli.

“Possiamo ora avvalerci di un significativo potenziamento della strumentazione necessaria a tutelare il decoro urbano in città, a supporto dei tradizionali pattugliamenti della Polizia Locale. Potremo documentare in maniera più diffusa e con immagini di migliore qualità i comportamenti illeciti e gli episodi di discariche abusive. Ci auguriamo, inoltre, che l’utilizzo di questi sistemi di controllo possano costituire uno strumento di prevenzione e un deterrente, prima ancora che uno strumento utile a rintracciare e sanzionare i responsabili”, hanno dichiarato il sindaco Giacomo Ghilardi e l’assessore alla Polizia Locale e Sicurezza Bernardo Aiello.

Fabrizio Vangelista

Giornalista, scrittore. Direttore de La Città

Articolo precedente

Nuovi lavori per le piste ciclabili di Cinisello. Ecco dove

Articolo successivo

Al via le serate del “VenerSI” alla “Casa della Sinistra”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.