1 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Una città e le sue (sole) 39 borse di studio

E’ di nemmeno 18mila euro l’ammontare della somma di denaro che quest’anno la giunta di centrodestra di Cinisello Balsamo ha deciso di assegnare alle borse di studio per gli alunni più meritevoli di Cinisello Balsamo. Un bottino piuttosto magro se si pensa che la città di oltre 70mila abitanti ha un bilancio comunale di di 90 milioni di euro. E che saranno soltanto 39 le borse assegnate su una popolazione studentesca di alcune migliaia di unità.

Tra l’altro i 17.900 euro messi sul tavolo non sono nemmeno tutti erogati dal comune, perchè AVIS Comunale di Cinisello Balsamo ha contribuito per 900 euro e la Famiglia Ceserano per 3 mila euro. In ogni caso l’amministrazione ha pubblicato il bando che riguarda i diplomati di I e II grado e gli universitari che hanno conseguito il diploma di laurea magistrale.

Un secondo bando prevede ulteriori 2 assegni in memoria di “Ciro Cesarano” offerti dalla famiglia in collaborazione con il Comune per il diritto allo studio e aiutare alcuni giovani neodiplomati che hanno deciso di intraprendere un percorso di studi universitario nell’ambito sanitario.

Le domande di partecipazione ad entrambi i bandi possono essere presentate solo on line, sul sito del Comune di Cinisello Balsamo, fino alle ore 10 del 7 novembre 2022. La Giunta ha stabilito i criteri per l’accesso agli aiuti, che mirano alla valorizzazione delle eccellenze, quindi sulle valutazioni ottenute.

I requisiti necessari sono: residenza a Cinisello Balsamo; diploma conseguito nell’anno scolastico 2021/22 con valutazione non inferiore a 9/10 per le scuole secondarie di 1° grado, 90/100 per le scuole secondarie di 2° grado e non inferiore a 105/110 per il diploma di laurea magistrale. A parità di punteggio verranno favoriti gli studenti che hanno presentato un ISEE inferiore.

“Anche quest’anno, l’Amministrazione comunale investe sul futuro dei suoi cittadini più giovani e virtuosi mettendo a bando maggiori assegni rispetto agli anni precedenti – così commenta Maria Gabriella Fumagalli, assessore all’Istruzione e Formazione –. I nostri ragazzi sono la speranza e l’orgoglio della città, anche grazie alla generosità dell’associazione AVIS Comunale di Cinisello Balsamo e della Famiglia Cesarano, possiamo supportare i più meritevoli nella continuazione degli studi affinché possano aspirare all’eccellenza, non solo nel percorso accademico, ma anche nella vita professionale, con particolare attenzione all’ambito sanitario più che mai in primo piano nella nostra società”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Mille&unavoce presenta sguardi al femminile

Articolo successivo

Generazioni, tre giorni con UniAbita per riflettere e stare insieme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.