12 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Centrodestra in fibrillazione. Si apre la corsa al dopo Ghilardi

Si scaldano i motori in vista delle amministrative che tra un anno attendono Cinisello Balsamo. E si scaldano anche i protagonisti della corsa, al momento tutta da immaginare. E’ il campo del centrodestra, saldamente al governo da 4 anni, che sembra fibrillare maggiormente. Le recenti dichiarazioni dell’assessore all’urbanistica Enrico Zonca, che spara su opposizioni ed ex alleati con una certa maldestra aggressività, farebbero pensare più ad un colpo di caldo, che ad una strategia politica.

Tuttavia Zonca potrebbe essersi messo in testa di ottenere per sé qualcosa in più di una parte in commedia e magari, perché no, immaginarsi come il successore del sindaco Giacomo Ghilardi. L’ipotesi, già anticipata da La Città qualche tempo fa, racconta di un primo cittadino che potrebbe non ripresentarsi per ottenere la riconferma il prossimo anno. Di mezzo, proprio nel 2023, ci sono le elezioni politiche e Ghilardi, leghista della prima ora, molto apprezzato dalla cerchia salviniana, potrebbe essere selezionato per il salto verso Montecitorio. Ghilardi ha più volte ribadito di essere tuttora concentrato sul suo lavoro di sindaco senza però mettere una parola certa sulla sua ricandidatura. Anche perché, secondo molti osservatori, sono tanti i problemi della città che restano irrisolti: dal degrado dei quartieri, alla gestione della sicurezza, dai progetti fermi come la riqualificazione di piazza Gramsci, al malcontento di molte associazioni. Le uscite di Zonca potrebbero essere lette a fronte dell’ipotesi di un Ghilardi che molla.

In quel caso l’assessore all’Urbanistica, figura civica del centrodestra, potrebbe godere di una maggiore margine di manovra proprio per il fatto di essere estraneo ai partiti e alla gara sempre più agguerrita tra Lega e Fratelli d’Italia. A giocargli contro, oltre le scomposte dichiarazioni dei giorni scorsi, anche le accuse di immobilismo che gli arrivano da più parti rispetto alle questioni relative alla sua delega. In ogni caso, dovesse avverarsi l’ipotesi di un Ghilardi che lascia la carica, se la dovrebbe vedere con altri importanti avversari. Primo tra tutti il vicesindaco di Fratelli d’Italia, Giuseppe Berlino, in cerca di maggiore fortuna. E con il più defilato, ma non per questo meno quotato, assessore alla sicurezza Bernardo Aiello. Pure lui un civico, molto apprezzato in diversi ambiente cittadini.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Mastromatteo replica a Zonca: “Non è un interlocutore credibile e non  sa rispondere ai cittadini”

Articolo successivo

Locale del comune negato al centrosinistra. Niente festa al Factory, giallo sui motivi del no

Un commento

  • Buongiorno, mi rivolgo a chi di dovere per avere “come supporto intelligente” uno o più punti hub x la quarta dose “booster” del vaccino Covid. Cinisello Balsamo è la città dove si sprecano tanti soldi x giardini fatiscenti, zone riservate ai quattro zampe e loro padroni incivili. Dove la sera bande di scalmanati urlano, cantano e vomitano il loro divertimento. Quelli che si trova la mattina è indecente !
    Direi che siamo anche stanchi di vedere il sindaco in 1000 selfie.
    Speriamo di avere sul territorio delle sedi per poter fare il vaccino 4 dose senza spendere soldi in farmacia o pagare per recarsi al San Gerardo o altri luoghi.
    Il tempo di organizzarsi c’è stato, quindi spero di non avere sorprese . Consideriamo le persone con disabilità. Come me. Ringrazio e saluto. Cordialmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.