11 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Cinisello perde Bruna Megliani, testimone rigorosa della memoria

Una bella signora, cordiale, sorridente, generosa e con una memoria invidiabile, questa era Bruna Megliani, scomparsa il 10 luglio.

Era nipote della mitica Rusö (Rosa Confalonieri), una piccola signora affabile, sempre vestita di nero, con i capelli grigi e gli occhi chiari, che gestiva il bazar-cartoleria in via Frova. Il negozio era stato aperto da lei e dal marito nel 1910, lo stesso anno dell’inaugurazione della prima scuola elementare di Cinisello. Divenne un passaggio obbligato per gli scolari di molte generazioni e se chiedete ai più anziani di Cinisello, tutti, ma proprio tutti, si ricordano della Rusö. Era rimasta vedova molto presto e aveva dovuto portare avanti l’attività da sola, occupandosi anche della famiglia, composta da cinque figli suoi e uno del primo matrimonio del marito. Così come era successo alla nonna, anche Bruna, rimasta vedova molto giovane, con coraggio seppe occuparsi della famiglia da sola e condurre con competenza l’azienda del marito, la Caffé Venmoka di Ventura Primo Srl, fiore all’occhiello della città. Un’attività iniziata nel 1969 e ampliata nel 1973 con l’impianto di torrefazione.

Tra i suoi familiari annoverava un personaggio molto importante come l’antifascista, partigiano, Carlo Meani, primo sindaco dopo la Liberazione, che aveva sposato una sua zia materna. Grazie a Bruna, così come a tutti gli altri familiari, in particolare al figlio di Carlo, Germano, fu possibile scrivere la biografia di Meani. Bruna fu molto orgogliosa quando, il 25 aprile del 2016, l’Amministrazione comunale intitolò una via cittadina allo zio Carlo Meani, da lei tanto stimato.

Con intelligenza e cura aveva conservato carte e fotografie della sua numerosa famiglia e, soprattutto, aveva trattenuto dentro di sé un’infinità di ricordi.

Prezioso fu il suo contributo, offerto sempre con grande disponibilità, per ricostruire alcune pagine di storia locale che avevano coinvolto lei e i suoi familiari. Presso Il Pertini, ex Scuola Cadorna, avevamo allestito insieme un angolo per il quale lei aveva concesso generosamente del materiale scolastico originale del bazar di sua nonna, la Rusö.

Ai cinisellesi mancherà di poter attingere ancora al bagaglio di memorie di Bruna. Il nostro giornale esprime il suo cordoglio ai familiari.

Il funerale si svolgerà mercoledì 13 luglio alle ore 9.30 presso la Parrocchia San Giuseppe

Patrizia Rulli

Articolo precedente

Dal comune un contributo di 70mila euro agli oratori estivi

Articolo successivo

Risse e spaccio, chiuso dalla polizia un bar in centro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.