5 Luglio 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Dietrofront della giunta Magistro. il mercatino tornerà tutti i sabati

Torna l’appuntamento settimanale per il mercatino della Proloco di Cormano. Dopo il periodo di chiusura dovuto alla pandemia e un suo ridimensionamento nel numero dei banchi e dei sabati (due al mese) per circa un anno, la giunta di centrodestra ha deciso di tornare all’antico. La bancarelle saranno esposte ogni sabato nell’area attorno al centro sportivo di via Europa, come accadeva un tempo.

Cambia poco o nulla rispetto al 2019, anno in cui la nuova giunta si è insediata. Secondo gli amministratori però le misure individuate per ridurre i banchi e le situazioni di illegalità, più volte denunciate dalla cittadinanza, hanno portato buoni frutti.

“Risultati che sono subito apparsi decisamente migliorativi rispetto alla situazione precedente: le criticità evidenziate nell’analisi pre-accordo risultano attualmente risolte, confermando la validità delle scelte concordate”, afferma un comunicato del comune.

“Alla luce di questi soddisfacenti risultati, si è quindi deciso di tornare allo svolgimento settimanale del mercatino per un periodo di ulteriore sperimentazione: fino a tutto gennaio 2023 quindi le attività torneranno tutti i sabati, anche per incentivare la partecipazione degli espositori che non dovranno così più scegliere se attivarsi per un’area mercatale alternativa nei sabati di “pausa”.

Una decisione che però sta suscitando diverse polemiche in città, specie tra quei cittadini che nel 2019, anno delle elezioni amministrative, avevano raccolto le firme per la chiusura del mercatino. In quell’occasione si erano mobilitati anche partiti e personalità del centrodestra per denunciare il problema del degrado e dello scarso controllo tra le bancarelle. Tra di essi, oltre che eurparlamentari e consiglieri regionali, spiccavano anche le figure locali locali che ora amministrano la città.

Sono molti a rimproverare a sindaco e assessori di centrodestra un cambio di rotta difficilmente comprensibile all’elettorato che li ha voluti premiare nel 2019.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Al via le celebrazioni dei 50 anni dei nidi. Mostra fotografica in centro

Articolo successivo

La goffaggine culturale di un concorso per miss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.