29 Settembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Parcheggio del Palazzetto, “Si rischia ancora più traffico in centro”

Non si placano le polemiche sui lavori per l’ampiamento del parcheggio del Palazzetto dello Sport di Cinisello Balsamo. Dopo la denuncia da parte di alcuni cittadini del taglio di alberi sani nell’area del cantiere ora spunta anche il tema del traffico. Il progetto del nuovo parcheggio prevede infatti l’apertura di un ingresso su via Frova.

Secondo il PD senza un meccanismo di accesso al parcheggio, questo nuovo ingresso rischia seriamente di favorire semplicemente un aumento del transito di veicoli al fine di tagliare il parcheggio e uscire direttamente in via Musu. L’effetto finale sarà quello di un aumento del traffico di passaggio in Piazza Gramsci e poi nel parcheggio del Palazzetto.

“Sorge spontaneo il dubbio – scrivono i dem in una nota – che questa scelta sia semplicemente propedeutica a una riapertura complessiva di via Frova e/o di via Libertà al traffico automobilistico, una decisione che sarebbe scellerata e anacronistica nel momento in cui tutto il mondo va verso la direzione di incentivare forme di mobilità dolce e ridurre l’uso dell’auto. Il problema dei parcheggi andrebbe affrontato in modo serio e completo, all’interno di una programmazione che abbracci il tema della ciclabilità e del trasporto pubblico nel suo complesso. Una programmazione che questa Giunta dimostra ancora una volta di non avere, avendo rifiutato di riprendere in mano il Piano Generale Traffico Urbano e quindi programmare insieme viabilità e piano della sosta e agendo solo per ordinanze”.

“Rispetto al centro città – continua il PD – non c’è poi alcuna indicazione sul suo futuro urbanistico: la mancata approvazione di un nuovo PGT ha di fatto bloccato ogni possibilità di ragionare in modo serio rispetto alle funzioni da concentrare nel centro cittadino e alla possibilità di dotarlo di nuove infrastrutture. Anche il progetto di riqualificazione di Piazza Gramsci è completamente scomparso dal radar e con esso ogni possibilità di ragionare su quale debba essere realmente la vocazione della piazza: grandi eventi? Spazio mercatale? Luogo di aggregazione? Tra le idee presentate dalla Giunta, l’unico punto chiaro anche qui era l’aggiunta di nuovi posteggi con l’apertura del passaggio auto sul tratto Nord della piazza. O come non ricordare infine la riqualificazione di Piazza Soncino, un progetto calato dall’alto pensato solo per creare parcheggi a scapito dell’area pedonale e del verde che era alla sinistra della piazza. In altre parole, come al solito, più traffico e smog”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Palazzetto, il taglio degli alberi diventa un caso politico

Articolo successivo

Il vice questore Di Stefano nuovo dirigente del commissariato di polizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.