26 Novembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

25 Aprile, torna il corteo a Cinisello. Ecco gli appuntamenti

Dopo due anni di emergenza sanitaria torna il corteo istituzionale del 25 Aprile. Ne dà notizia il comune che invita i cittadini di Cinisello ad esporre il tricolore alle finestre. Il programma si compone di due momenti celebrativi, sabato 23 aprile per una commemorazione dedicata al prete partigiano don Battista Testa e lunedì
25 aprile con il corteo per le vie cittadine e gli interventi istituzionali.

Il primo appuntamento di sabato 23 aprile sarà alle 15.30 all’esterno di Villa Arconati (piazza Gramsci 2), per lo svelamento della targa dedicata a Don Battista Testa, prete partigiano attivo nell’organizzazione della Resistenza a Cinisello Balsamo, presso l’abitazione dove visse dal 1942 al 1950. Alla cerimonia parteciperanno la nipote di don Battista Testa Maddalena Cereda e lo storico locale Ezio Meroni, autore del libro “Il prete
partigiano. Don Battista Testa”, con interventi del sindaco Giacomo Ghilardi, di Gianluigi Falzoni, Presidente Associazione Nazionale Partigiani Cristiani – Cinisello Balsamo, Luigi Galbiati, Presidente Cooperativa La Nostra Casa e una preghiera di don Alberto Capra, decano della città. Sotto il portico sarà inoltre allestita una mostra e la vendita di libri.

La giornata di lunedì 25 aprile, oltre ai rappresentanti dell’Amministrazione comunale e ai cittadini, vedrà la partecipazione di associazioni di rilievo nazionale, con una rappresentanza locale, che hanno partecipato alla Resistenza. Prima fra tutte l’ANPI – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, a cui si uniscono l’Associazione Nazionale Partigiani Cristiani, la Brigata ebraica e la Federazione Italiana Volontari della Libertà.

Il programma prevede alle ore 9, presso la Chiesa di San Martino, la messa in Suffragio dei Caduti della Libertà. Segue alle ore 10, in piazza Soncino, la partenza del corteo per le vie della città accompagnato dalla Filarmonica Paganelli ‘79. La cerimonia continua poi in piazza Gramsci, alle 11, con il saluto istituzionale del sindaco e gli interventi commemorativi dei rappresentanti delle associazioni invitate.

“La presenza alle celebrazioni del 25 aprile di queste realtà già attive sul territorio sono testimonianza di un patrimonio comune di valori rispetto al tema della liberazione dal nazifascismo e di un percorso condiviso sul tema della libertà. Si aggiunge il ricordo di don Battista Testa, frutto di un’accurata di ricerca storica, che qui a Cinisello Balsamo restituisce ancora oggi un prezioso lascito: la libertà trova come imprescindibile
fondamento il rispetto dell’uomo, indipendentemente da partiti e ideologie”, ricorda il sindaco Giacomo Ghilardi, che prosegue: “Il mio invito a partecipare è rivolto a tutti i cittadini, ma soprattutto ai giovani, perché facciano propri questi valori e siano protagonisti attivi e partecipi della democrazia”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Videosorveglianza, sicurezza necessaria o voglia di delazione?

Articolo successivo

“Che fine farà piazza Gramsci?”. Dopo quattro anni nessun progetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.