29 Novembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Via libera alle telecamere dei privati puntate anche su aree pubbliche

Cambia il regolamento sulla videosorveglianza a Cinisello Balsamo. Il consiglio comunale con un voto a maggioranza ha apportato le modifiche alle norme già esistenti. Un aggiornamento e un ampliamento del precedente documento che si è reso necessario per adeguarlo alle normative recenti in materia di privacy e alla legislazione europea. E che prevede tra le altre cose la possibilità dei privati di puntare le proprie telecamere anche su aree di passaggio antistanti alla proprietà.

Il regolamento conta in tutto 16 articoli che disciplinano l’utilizzo degli impianti di videosorveglianza fissi presenti sul territorio comunale, così come l’impiego di fototrappole o di impianti di videosorveglianza mobili, posizionabili in aree del territorio comunale oppure montati su veicoli di servizio, su droni o anche indossati dagli stessi operatori.

Il documento tratta inoltre degli adempimenti, delle norme di riferimento, delle finalità e dell’ambito di applicazione, del coordinamento per l’accesso diretto ai sistemi da parte delle Forze dell’Ordine, della tutela della privacy e della sicurezza dei dati trattati dagli impianti.

Nell’articolo 1 si precisa che l’installazione e l’attivazione del sistema di videosorveglianza non devono essere sottoposte ad autorizzazione da parte del Garante per la protezione dei dati personali. È necessario che il trattamento dei dati personali venga effettuato previa informativa alle persone che stiano per accedere all’area videosorvegliata. A tale scopo la comunicazione deve avvenire mediante l’utilizzo di idonea segnaletica.

Il sistema informativo è configurato per ridurre al minimo l’utilizzo dei dati personali ed identificativi fino a escluderne il trattamento quando le finalità possono essere realizzate mediante dati anonimi o attraverso opportune modalità che permettono di identificare l’interessato solo in caso di necessità.

La novità più significativa riguarda l’articolo 14 bis che introduce una forma di partenariato pubblico-privato. Il Comune di Cinisello Balsamo, infatti, promuove il coinvolgimento di privati per la realizzazione di singoli punti di videosorveglianza che siano orientati sulle vie o aree pubbliche. I cittadini che lo richiedono d’ora in poi potranno estendere la loro sfera di sicurezza anche oltre la loro proprietà, acquistando a proprie spese gli impianti e mantenendoli operativi per tutto il periodo autorizzato.

“Il documento è frutto di un importante e serio lavoro di collaborazione e confronto con i nostri agenti della Polizia Locale che ancora una volta dimostrano grande professionalità. Cinisello Balsamo era all’anno zero sul tema della videosorveglianza, nel giro di due anni siamo riusciti a dare una svolta decisiva in termini di sicurezza e ad occuparcene a 360 gradi”, ha dichiarato il sindaco Giacomo Ghilardi.

“Sono davvero soddisfatto del risultato raggiunto. Si è trattato di un lavoro molto scrupoloso e attento che mette a disposizione della nostra città un nuovo strumento in tema di sicurezza. Un ulteriore risultato che la nostra Amministrazione raggiunge, che ci permette di garantire ai nostri cittadini elevati standard di sicurezza” ha commentato Bernardo Aiello, assessore alla Sicurezza.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Finalmente pronta la rotonda con lo stemma al centro

Articolo successivo

“Dare un futuro alla memoria”, ANED incontra il CIOFS-FP di Cinisello Balsamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.