4 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Ucraina, anche Sesto si mobilita. Ecco come dare un aiuto

 

A Sesto, come in moltissime altre città d’Italia, si moltiplicano gli aiuti da destinare all’Ucraina, colpita dalla guerra. Il comune di Sesto rende nota l’apertura di un conto corrente di solidarietà su cui far confluire offerte e donazioni per assistere i profughi civili dell’Ucraina che stanno arrivando a Sesto per il ricongiungimento familiare.
Queste le coordinate bancarie: Conto intestato a COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI
Causale: EMERGENZA UCRAINA Iban: IT57L0103020700000000302289.

Inoltre, in molti si stanno mobilitando per raccogliere farmaci, indumenti e beni di prima necessità da inviare al paese.
Nei condomini situati ai civici 100 e 102 di viale Casiraghi ha preso il via una raccolta per conto del fondo di beneficenza International Association For Support of Ukraine di Kyiv. È possibile partecipare alla raccolta donando i prodotti o i medicinali in portineria dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30. Gli organizzatori forniscono un elenco delle merci necessarie: coperte e cuscini con riempimento sintetico, pannolini, vestiti (giacche, maglioni, biancheria intima, calze), omogeneizzati, salviette umide, sapone, shampoo, asciugamani, pasta, riso, farina, tonno e carne in scatola, biscotti, cioccolato, dolci confezionati, the in bustine, caffè solubile, piatti, bicchieri e posate monouso, antibiotici, analgesici, antiemorragici, cardiovascolari, antisettici, antidiarroici, mascherine, garze, guanti monouso e siringhe.

Elisa Mariam Rady

Mi chiamo Elisa Mariam Rady e sono una studentessa di 24 anni, attualmente iscritta al secondo anno di magistrale in giornalismo presso l'Università di Parma. Sono una ragazza determinata, umile e volenterosa, mi nutro di curiosità ed entusiasmo. Sogno una carriera da giornalista e scrittrice.

Articolo precedente

Cambia il mercato del lunedì. Via Da Vinci e Spluga senza banconi

Articolo successivo

PNRR, Cinisello c’è. Ghilardi: “Ecco i nostri progetti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.