11 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

L’ora del tè in video. Alla RSA i pazienti conoscono nuovi amici lontani

Prendere un tè incompagnia di nuovi amici anche se lontani. E’ l’iniziativa della RSA Residenze del Sole di Cinisello per favorire la socializzazione degli ospiti. Si tratta di momenti condivisi tra degenti della struttura di Cinisello Balsamo ed altri amici di RSA che vivono in altre città. Un video collegamento garantisce il contatto e il beneficio è assicurato.

“In questi due anni di pandemia favorire tutte le possibilità di socializzazione per i nostri ospiti è stata la nostra priorità, anche attraverso nuove modalità di partecipazione alla vita sociale, grazie all’utilizzo dei mezzi tecnologici”, spiega Vincenzo Genna, educatore presso l’RSA Residenze del Sole di Cinisello.

Il progetto “Venga a prendere un tè da noi…” nasce dall’idea di trasmettere un invito a trascorrere insieme un pomeriggio tra amici che vivono in RSA di città diverse. Grazie alla collaborazione con la Fondazione Amplifon che, ad averci fornito lo strumento video di elevata qualità, ha creato un database di RSA e strutture residenziali per anziani in tutta Italia con cui entrare in comunicazione, si può dare vita alle
relazioni ed all’amicizia pur nella dalla distanza.

“Ad oggi abbiamo già condiviso questa emozionante esperienza con due strutture, la RSA Don Guanella di Bari e la RSA Villa Salute a Brescia. “Ci siamo preparati come per incontrare dei nuovi i amici, con tè e biscotti ed in trepidante attesa per la novità. È così che il Signor Nicola da Bari ci racconta della sua vita da viaggiatore e commovendosi coinvolge tutti nel raccontare dei prossimi viaggi. Oppure ancora la signora Maria da Bescia, che dispensa consigli per vivere bene”, continua Genna.

Gli anziani sono rimasti affascinati dalla potenzialità dello schermo che diventa come una finestra su un altro mondo. Hanno raccontato ciascuno di sé presentandosi come ad un incontro tra delegazioni di paesi lontani, parlando ciascuno dei propri gusti a tavola e delle proprie passioni. Così alla fine dell’incontro il nostro musicista, Nello, lancia la sfida di intonare ciascuno una canzone del proprio paese, e da lì la strada
per intonare da “oh mia bella Madunina” a “Quant’;è bello lu prima ‘ammore” è stata facile.

L’incontro tra tecnologia e anziani è ricco di possibilità per il miglioramento della qualità della vita e per il mantenimento delle capacità cognitive; ci piace pensare che, anche con l’auspicata fine delle restrizioni provocate dall’emergenza sanitaria, le possibilità offerte grazie al contributo della Fondazione Amplifon, permetteranno alla nostra struttura di proporre interventi educativi e di cura sempre più innovativi.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Ospedale di comunità. Proposta dem: “Si faccia in Villa La Gioiosa”

Articolo successivo

Contrordine per via Gorki. Nessuna chiusura, Autostrade rinvia i lavori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.