5 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Scuola Lavoro: pochi controlli e lavoro gratuito

di Carla Tanzi

Preoccupazione, dolore e soprattutto rabbia: Lorenzo, 18 anni, ha perso la vita l’ultimo giorno di Alternanza Scuola-Lavoro. Il tragico caso di Lorenzo è solo l’ultimo di altri occorsi a studenti. Anche fosse stato l’unico è inaccettabile!

Non è l’unico, purtroppo considerato che incidenti  con lesioni, comunque gravi, si sono verificati, tra il 2017 e il 2022, con vittime dai 16 ai 18 anni. Il PCTO che nelle intenzioni  doveva rappresentare un arricchimento della didattica, mediante acquisizioni di esperienze nei posti di lavoro, molto spesso si trasforma in lavoro prestato gratuitamente alle aziende.

La legge stabilisce un monte ore minimo, complessivo per il triennio, di PCTO: 90 per i Licei, 150 per Istituti Tecnici e 210 per Ist. Professionali, ma non fissa un tetto massimo. Valutando sommariamente ciò che avviene sul nostro territorio abbiamo analizzato la Carta dei Diritti e Doveri e ne abbiamo testato l’applicazione ascoltando alcuni studenti delle Scuole Superiori (Ist.Tecnici e Ist.Formazione Professionale) di Cinisello Balsamo. A nostra domanda la maggior parte dei ragazzi ha segnalato la presenza sul posto di lavoro per 1.200 ore nel triennio. Solo uno ne ha effettuate 400.

I ragazzi che frequentano l’ambito lavorativo a scopo didattico dovrebbero avere tutti una persona di riferimento fornita dalla scuola, una formazione sulla sicurezza e dovrebbero solo osservare le operazioni compiute dagli addetti. Non sempre avviene e qualcuno ha dovuto trovare da se la struttura ospitante.

Due le questioni più spinose: la sicurezza e lo sfruttamento. Ci troviamo con casi di Studenti che vanno, a tutti gli effetti, a sostituire lavoratori nelle mansioni più semplificate; studenti che non vengono seguiti durante lo svolgimento del proprio lavoro e sono esposti a possibili rischi sulla sicurezza e salute; famiglie che non vengono sufficientemente informate.

Serve maggiore sensibilità da parte degli Istituti scolastici, la legge non prevede un tetto massimo di ore ma è pur vero che non si possono passare tre mesi di alternanza-lavoro dimenticati dalla propria scuola.

Ivano Bison

Articolo precedente

Da lista civica a laboratorio di cittadinanza attiva

Articolo successivo

Anpi in lutto, scompare Sergio Temolo. Una vita in difesa della memoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.