22 Febbraio 2024

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

L’appello alla giunta Ghilardi: “Subito il “bonus psicologico”

Valutare con urgenza l’attivazione di interventi di sostegno psicologico per i propri cittadini più in difficoltà, specie quelli meno abbienti, che vivono attacchi di ansia, stress, paure e disagio, causati dagli effetti della pandemia, ricercando sul territorio figure professionali o associazioni che possano offrire un supporto specializzato. E’ il contenuto di un ordine del giorno, presentato in consiglio comunale a Cinisello Balsamo dal consigliere PD, Marco Tarantola.

Il disagio psicologico per via degli effeti della pandemia, come l’isolamento e lo stress che ne deriva, è un fatto che condiziona la vita di molti anziani, adulti e ragazzi. E la questione arriva sui banchi del consiglio comunale. A sollevarla è il PD che chiede alla giunta di intervenire per offire interventi di sostegno psicologico alla cittadinanza.

Sono molte infatti le città e i governi regionali che stanno predisponendo finanziamenti per cosiddetto “bonus psicologico” (un fondo per aiutare economicamente le persone che decidono di rivolgersi a uno psicologo, uno psicanalista, uno psichiatra, uno psicoterapeuta), riconosciuto ormai come essenziale da tutte le forze politiche, ma inspiegabilmente stralciato nella recente legge di bilancio.

“Anche nella nostra città – argomenta il PD – sono presenti numerose persone che sono esposte a manifestare un disagio psicologico direttamente connesso alla situazione pandemica: i lavoratori direttamente o indirettamente
a contatto con pazienti Covid-19 e che hanno dovuto rivoluzionare la loro quotidianità e la loro vita con
distanziamento sociale e familiare per non mettere a rischio, tra l’altro, la salute dei propri cari; i cittadini
costretti a rimanere chiusi in casa o esposti a situazioni lavorative ritenute a rischio; i cittadini con fragilità, esposti a reazioni emotive di forte disagio e affaticamento psicologico; i cittadini che hanno perso il lavoro; i cittadini che hanno subito un lutto per COVID19; gli studenti delle scuole primarie e secondarie, di primo e secondo grado e i loro genitori; gli insegnanti e personale scolastico delle scuole primarie e secondarie, di primo e secondo grado”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Da oggi in libreria il romanzo del cinisellese Eryk Frontini

Articolo successivo

Sesto, la polemica dei residenti contro il “progetto Unione 0”

Un commento

  • Aggiungerei i cittadini che sono costretti a non vedere i propri cari perché costretti al ricovero in RSA, oltretutto per chi non è autosufficienti non c è nessuna possibilità di controllo, non viene fatta una relazione medica però ti trovi il familiare dimagrito di molti chili da quando ci è stato vietato l ingresso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *