2 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Accordo con Milano, il car sharing arriva a Cinisello

Car sharing anche a Cinisello Balsamo. La giunta ha infatti firmato una delibera che porterà alla sottoscrizione di un accordo con il Comune di Milano per l’estensione dello sharing in forma integrata per una durata di 7 anni. Con gli stessi operatori che forniscono il servizio nel capoluogo lombardo.

Sul territorio sono state individuate 19 postazioni dedicate, di cui 6 con colonnina elettrica per la ricarica dei veicoli, dove si potrà prendere o rilasciare le auto a noleggio del servizio di car sharing e più precisamente 3 stalli in largo don Giussani, in piazza Italia e in via Gozzano e uno stallo nelle vie Brunelleschi, Cilea, Mozart, Monte Ortigara, Bramante, Meroni, Marconi, Dante, Lincoln e largo Milano.

“Il car sharing è un servizio di mobilità complementare al trasporto pubblico locale che favorisce un minor utilizzo dei mezzi a motore privati e pertanto può contribuire a diminuire la quantità di inquinanti nell’aria – ha dichiarato il sindaco Giacomo Ghilardi – Ben presto quindi vedremo circolare per le strade della nostra città le auto del car sharing: una possibilità in più per i cittadini di spostarsi in modo diverso ed ecologico”.

“L’Amministrazione comunale si è impegnata a favorire politiche di mobilità sostenibile volte alla riduzione del traffico veicolare privato e dell’inquinamento così come previsto nel piano di mandato, la scelta di introdurre il car sharing va in questa direzione. Le postazioni, distribuite su tutto il territorio comunale, sono state scelte in relazione alla configurazione e alle aree di maggior accessibilità”, così il vicesindaco Giuseppe Berlino con delega alla Mobilità e Ambiente.

In aggiunta a questa decisione l’Amministrazione Comunale sta approntando gli atti necessari per la predisposizione di ulteriori stalli per il Car sharing con veicoli elettrici dotati di colonnine di ricarica. Per l’attivazione di questo servizio aggiuntivo si procederà con le necessarie procedure di evidenza pubblica.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Farmacie prese d’assalto e tamponi casalinghi introvabili

Articolo successivo

Al comune un immobile confiscato alla mafia. Diverrà residenza sociale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.