19 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Ancora vandali a scuola. Rubati i tablet alla Buscaglia

Ancora un furto in un istituto scolastico di Cinisello, il quarto nel giro di poche settimane, due dei quali ai danni della Scuola Buscaglia. Il primo nella notte tra il 2 e il tre dicembre in cui rubarono 17 computer destinati alla DAD (didattica a distanza). Il secondo è invece avvenuto stanotte dove hanno rubato ancora qualche computer, gli ultimi tablet rimasti e la bicicletta personale della dirigente.

Ignoti hanno divelto le sirene e distrutto completamente la centralina dell’impianto. Un furto che getta nello sconforto la Dirigente Scolastica, Paola Spadoni, “perché alla fine va a colpire i ragazzini che ne usufruiscono-erano strumenti destinati a favore degli studenti, è ciò che mi spiace più di tutto-sottolinea la Spadoni- A parte il danno riscontrato agli arredi, alle porte, al decoro generale, il sentimento che prevale è un senso di impotenza.

“Ci si sente vulnerabili, veniamo privati di attrezzature che servono ai nostri ragazzi. La scuola non è un’industria che ti permette di rimpiazzarli così come se niente fosse, sono comunque soldi dei cittadini, soprattutto in questo momento particolare”. I computer provenivano da un bando e servivano da dare in comodato d’uso a chi ne avesse la necessità. I tablet invece venivano utilizzati dagli studenti della secondaria, neo arrivati x favorire la comprensione delle lezioni e favorire la facilità di inserirsi nel gruppo classe anche a lingua non completamente appresa”.

Ora i tablet non ci sono più. Ma è così semplice entrare in una scuola? Possibile che gli allarmi non funzionino? Lo chiediamo a Bernardo Aiello, assessore alla sicurezza: “Purtroppo è un dato di fatto che i dispositivi di sicurezza attuali siano ormai obsoleti, costruiti molti decenni fa con un concetto che non teneva in considerazione la possibilità che qualcuno entrasse a rubare. Oggi purtroppo questa è un’eventualità tutt’altro che remota”.

Cosa sta facendo l’amministrazione comunale per fronteggiare questa nuova ondata di furti? “Già dal primo furto avvenuto, ci siamo organizzati e io personalmente ho dato disposizioni per cambiare le apparecchiature vecchie, non più adatte alle esigenze attuali. Quali le tempistiche previste? “Si tratta di un progetto che prevede interventi nell’immediatezza che si concretizzeranno con interventi strutturali e radicali per potenziare la difesa passiva e mettere in sicurezza non solo le scuole ma anche tutte le altre strutture legate al Comune. Nel frattempo -continua Aiello- invito comunque tutti i cittadini a non temere di fare segnalazione nel caso notassero qualche movimento sospetto e di sentirsi liberi di chiamare immediatamente il 112, a qualunque ora del giorno e della notte.

Stefania Vezzani

Vivo a Cinisello da sempre e mi ritengo una persona fortunata: ho avuto nonni speciali e ho genitori affettuosi. Mi hanno resa forte, ottimista, mi hanno insegnato che nella vita se hai qualcosa lo devi condividere. Da qui il mio forte bisogno di rendermi utile. Vivo con questa filosofia:  "Chiediti se ciò che fai agli altri, ti farebbe del male se a riceverlo fossi tu". Collaboro col giornale dal 2013, mamma di tre figli, felicemente sposata, ritengo un dono l'amicizia, sono allegra, amo leggere, scrivere, cucinare, camminare, adoro stare all'aria aperta.

Articolo precedente

“I solchi della storia”, il nuovo libro di Maurizio Galli

Articolo successivo

Il comune fuori dal predissesto. Esulta il sindaco, ma per il PD è “solo propaganda”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.