25 Novembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Sant’Eusebio, il sindaco tace ma l’opposizione incalza: “Serve risposta sociale”

Continua a interrogarsi la politica locale dopo la sparatoria con un ferito a Sant’Eusebio lo scorso venerdì notte. Silenzio, per il momento, da parte del sindaco Giacomo Ghilardi, che in questo caso non ha ritenuto di dover commentare l’accaduto, che pure sta facendo molto discutere. Il timore per una possibile escalation di violenza nel quartiere periferico di Cinisello Balsamo investe molti cittadini e associazioni.

A tornare sull’argomento è anche Cinisello Balsamo Civica, che in una nota esprime forte preoccupazione. “Siamo convinti che le difficoltà nel quartiere vadano affrontate seriamente, con il coinvolgimento delle parti sociali. La sola all’azione di contrasto delle forze dell’ordine è nulla se non viene affiancata da quella di presidio del territorio, le cui istituzioni locali si devono far carico”, si legge nel comunicato.

“Sappiamo quanto sia un lavoro faticoso, e non immediato, come il taglio delle siepi, ma crediamo che sia necessario riprendere e rafforzare la rete di associazioni e di cittadini presenti affinché si monitori e si risponda con servizi. In questi anni la Giunta Ghilardi non ha dato nessuno strumento e nessun sostegno in questa realtà, anzi i servizi socio sanitari del quartiere hanno subito delle grosse riduzioni. Serve una risposta sociale chiara che sia frutto di un lavoro attivo sul quartiere che possa crescere nel tempo”, conclude la nota.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Spari e un ferito a San’Eusebio. Torna la paura, polemiche sulla sicurezza

Articolo successivo

Sesto: “no al nuovo inceneritore”, c’è chi non è d’accordo con la Biopiattaforma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.