28 Settembre 2021

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Sesto, comitati ambientalisti disertano la Consulta e accusano la giunta

Con un comunicato stampa il Consiglio Direttivo dell’Associazione Sottocorno e del Comitato di Cascina Gatti esprimono la loro insoddisfazione e dissenso in merito alla gestione della Consulta dell’Ambiente del Comune di Sesto San Giovanni e per questo motivo hanno “disertato” la seduta di ieri, 26 luglio 2021. Scrivono: “L’evidente mancanza di una politica ambientale sul territorio e la scelta di un soggetto politico totalmente estraneo sia alla città che all’ambiente come l’assessore Magro, di fatto spiegano l’incapacità e la poca visione di questa amministrazione”. A questo proposito, le associazioni ambientaliste della città avevano avanzato la richiesta di dimissioni dell’assessora, ma queste sono state ignorate da Sindaco e vertici amministrativi del Comune di Sesto che ne hanno sempre sostenuto l’operato.

Le principali problematiche messe in luce da tempo dai comitati green del territorio e che rimangono irrisolte sono: “Una totale mancanza di un programma di forestazione urbana e piantumazione di nuovi alberi (come previsto dalla Legge sul registro degli alberi per le città sopra i 15.000 abitanti), un’assente comunicazione atta a migliorare la raccolta rifiuti, una mancata quantificazione degli immobili non bonificati dall’amianto, un’errata valutazione e ritardi ingiustificati circa i lavori per la Terrazza Bottoni e il parco tanto da portare ad una variazione di bilancio, continui abbattimenti e devastazioni di alberi (Villaggio Falck e Via Livorno per citarne alcuni)”.

La lista continua e con questa i due comitati chiedono un cambiamento totale e nello specifico: “Le dimissioni dell’attuale assessore all’ambiente, dimostratasi a più riprese totalmente incompetente, la definizione di una seria linea di politica ambientale sul territorio del comune di Sesto, che non sia finalizzata a scopi elettorali o peggio utilizzata (come fatto fino ad ora) a mera propaganda politica, la definizione di un regolamento che includa effettivamente le realtà sul territorio e non i nominati dal sindaco e, infine, una gestione operativa più incisiva e meno dispersiva”. Chiudono: “In alternativa, invitiamo il Sndaco ad assumersi le proprie responsabilità ed a sciogliere tale Consulta”.  

Elisa Mariam Rady

Elisa Mariam Rady

Mi chiamo Elisa Mariam Rady e sono una studentessa di 23 anni, attualmente iscritta al primo anno di magistrale in giornalismo presso l'Università di Parma. Sono una ragazza determinata, umile e volenterosa, mi nutro di curiosità ed entusiasmo. Sogno una carriera da giornalista e scrittrice.

Articolo precedente

Operai sulla gru per protesta. Nessuna solidarietà da parte della giunta

Articolo successivo

Vergogna no-vax. Indignazione di Aned e Anpi sugli accostamenti alla Shoah

Un commento

    Avatar
  • brava continua cosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Cliccando su “Accetto” acconsenti all’uso dei cookie.