28 Settembre 2021

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Tari, +46% in tre anni. La giunta approva uno sgravio. Per il Pd non basta

Alla fine lo sgravio per la Tari è arrivato. La variazione di bilancio, approvata qualche giorno fa dal consiglio comunale di Cinisello Balsamo, ha partorito 835 mila euro di alleggerimento tra famiglie e imprese. In particolare, come scrive il siindaco Ghilardi su Facebook, senza nascondere una certa euforia, sono 635mila gli euro in meno per le attività penalizzate da chiusure forzate e 200mila per le utenze domestiche.

Sconti che non soddisfano le opposizioni. Il Pd, che ha votato contro la manovra, considera non sufficienti gli sgravi approvati. “Nel consiglio comunale di mercoledì – scrivono i dem in una nota – la giunta ha approvato una variazione di bilancio, la cui punta di diamante doveva essere lo sgravio Tari per imprese e famiglie. Abbiamo deciso di votare contro perché gli sgravi proposti non erano sufficienti a compensare gli aumenti di questi anni. Aumenti voluti da questa giunta e che ricordiamo sono cominciati ben prima della pandemia e hanno portato rincari fino al 46% per le famiglie cinisellesi. Dopo 3 anni di aumenti viene approvata una tantum per il 2021. Se questa amministrazione fa sul serio allora chiediamo che gli sgravi decisi vengano garantiti anche per i prossimi anni, altrimenti nel giro di qualche mese le famiglie cinisellesi saranno punto e capo”.

Il sindaco però tira dritto e, a difesa del suo operato, mette sul tavolo l’ultimo rapporto di Assolombarda sul peso della fiscalità nei comuni lombardi, che vede Cinisello all’89esimo posto. “Dal nostro insediamento – afferma il sindaco – le imposte per il lavoro sono diminuite, soprattutto per quanto riguarda la Tari! La sfida che l’Amministrazione Comunale ha responsabilmente intrapreso è quella di non disperdere il patrimonio industriale radicato nel territorio e nella cultura locale, ma di valorizzarlo promuovendo nuovi stimoli e sostenendo nuove forme di imprenditorialità in grado di cimentarsi in nuovi settori economicamente sostenibili, sfruttando anche la sua posizione strategica”.

Redazione

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Il sindaco diserta la manifestazione anti-mafia. Polemiche a Cormano

Articolo successivo

3 milioni di nuovi alberi entro il 2030 nel milanese. Anche a Cinisello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Cliccando su “Accetto” acconsenti all’uso dei cookie.