7 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Nidi gratis per le famiglie in difficoltà. Il bando regionale arriva a Cinisello

Rette azzerate dei nidi per le famiglie in difficoltà economica con Isee inferiore a 20mila euro. L’opportunità la fornisce il bando regionale “Misura Nidi gratis – Bonus 2021/2002” a cui il comune di Cinisello ha deciso di aderire.

L’iniziativa prevede un abbattimento dei costi della retta dovuta dai genitori per la frequenza del proprio figlio in nidi e micronidi pubblici o in posti in nidi e micronidi privati acquistati in convenzione dal Comune fino alla concorrenza delle rette in vigore presso i nidi comunali, che eccede l’importo rimborsabile dall’INPS pari a euro 272,72.

In una nota del comune si chiarisce che l’Amministrazione risponde a tutti i requisiti previsti per l’accesso alla misura e si impegna a non aumentare le rette a carico delle famiglie e a non modificarle così come le fasce Isee o i sistemi di calcolo della retta durante l’annualità 2021/2022. Il Comune inoltre, con tale delibera, si impegna a compartecipare alla spesa per i servizi per la prima infanzia (asili nido/micronidi) e ad adottare agevolazioni tariffarie a favore delle famiglie differenziate in base all’Isee.

“Questa delibera conferma l’impegno di questa Amministrazione per garantire l’accessibilità ai servizi all’infanzia per tutti. La misura regionale consente di accedere ad agevolazioni economiche importanti, soprattutto in questo periodo di ripresa economica per la pandemia da Covid 19 che ha pesato sulle casse comunali con spese ingenti e impreviste per la salute dei cittadini e di ristoro alle attività commerciali. Partecipare a questa iniziativa regionale quindi vuol dire impegno per dare risposte concrete a tutte le fasce della popolazione”. Ha dichiarato l’assessore all’Infanzia e Istruzione Maria Gabriella Fumagalli.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Torna il cinema all’aperto in Villa Ghirlanda. Le proiezioni in agosto

Articolo successivo

Torna il cinema all’aperto. La protesta è servita, ora si apra alla cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.