11 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

La mozione della Giunta sui medici di base. Ostentata mancanza di pudore politico.

Nel film “Il comune senso del pudore” (1976) un’opera di Alberto Sordi, si descrive l’italiana tendenza a meravigliarsi di ciò che invece è pura prassi quotidiana. Vorremmo non apparire,a nostra volta, dei moralisti. Ciononostante, corre la necessità di commentare la disinvoltura con cui la Giunta Ghilardi mette in campo una mozione verso il Governo e il Ministro Speranza, per richiedere l’aumento dei medici di base sul nostro territorio.

Una musichetta già sentita nel corso della Pandemia. Lo abbiamo scritto altre volte. Siamo lieti del ravvedimento, tanto più che contrasta con quanto detto da, Luciano Giorgetti, ministro del Governo Draghi, il quale non tanto tempo fa sosteneva l’inutilità dei medici di base dicendo: “tanto nessuno ci va più”. In quelle parole riecheggiava un’altra storica allocuzione, quella del Ministro Maroni, pronto a giurare che “la mafia al nord non esiste”.

Anche qui lo riproponiamo, solo per fare mente locale e suggerire a Ghilardi di non costringere i nostri notisti a periodiche precisazioni. E’ tipico quanto la Lega e i suoi alleati della destra utilizzino le ceneri che dovrebbero versare sulle loro teste, per lanciarle contro gli occhi della pubblica opinione. E’ davvero cosa disdicevole cercare di attribuire responsabilità a Speranza quando è la destra (che governa la Regione Lombardia a colpi di privatizzazioni) l’unica responsabile della deriva che la medicina di base, territoriale e preventiva, ha sofferto in tutti questi anni. I cittadini non sono così
sprovveduti dal non cogliere questa ennesima e palese contraddizione.

Semmai, vi possiamo intravedere l’aspetto di chi vorrebbe apparire una vecchia volpe nell’agone partitico, cioè di colui che si crede più furbo degli altri. Del tipo: “Presentiamo una mozione contro il governo su un tema sollevato dall’opposizione e poi vediamo se hanno il coraggio di non votarla”. Se Alberto Sordi voleva strappare solo qualche risata sull’italica incoerenza, di fronte alle inammissibili strumentalizzazioni della destra, non ci resta che criticare l’offesa al buon senso e al pudore politico nelle scelte. A costo di ripeterci.

Ivano Bison

Articolo precedente

I giovedì sera di via Garibaldi. Chiuso alle auto un altro tratto del corso

Articolo successivo

A Cinisello vaccinato il 68% dei cittadini. Il sindaco invita tutti ad aderire

Un commento

  • Mi chiedo solo e semplicemente .. che cosa si aspettavano chi ha votato destra ?? E mi spiace che c’è chi ancora dice “bisogna cambiare ogni tanto indipendentemente da che è che si vota “ il problema è che per questi ignoranti ci rimette tutta la cittadinanza che poi non si informa i meglio si informa solo se la tocchi nelle cose che le tocca personalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.