30 Novembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

In molti al sit-in contro l’omofobia. La Cinisello dei diritti si fa sentire

Grande partecipazione ieri sera al sit-in organizzato a Cinisello Balsamo dall’associazione Gayminout contro l’omotransfobia. Molte le realtà territoriali che hanno aderito all’appuntamento davanti al centro culturale Il Pertini per dire basta alle aggressioni omofobe. Come quella che è avvenuta la scorsa settimana nel parco di Villa Ghirlanda ai danni di una giovane che portava un cappellino con la scritta Lgbt.

Tra le rinvedicazioni dei partecipanti ha trovato spazio anche la richiesta di approvare la legge Zan ancora impantanata al Senato da mesi per l’ostruzionismo della destra ed ora rallentata anche dalle richieste di correzioni da parte di Italia Viva.

Ad indignare i manifestanti di Cinisello c’è soprattutto l’atteggiamento della giunta di centrodestra dopo quanto accaduto in villa Ghirlanda. Il comunicato emesso da sindaco e assessori dopo tre giorni dall’episodio ha destato polemiche anche per la mancanza di qualsiasi riferimento alla parola omofobia. La giunta chiede indagini celeri per chiarire cosa sia davvero accaduto. Un messaggio irricevibile per i molti, che ieri sera hanno voluto inviare un messaggio di indignazione verso certa politica e di solidarietà piena alla ragazza aggredita

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Domenica sera il sit-in davanti al Pertini. Associazioni in piazza contro l’omofobia

Articolo successivo

Torna “Pionieri in Agricola”, dal 15 al 21 luglio musica, cultura e cibo all’aperto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.