30 Novembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Omofobia e aggressione in Villa Ghirlanda. Atti vandalici in via Frova.

Nel giro di poche ore due episodi di violenza si sono verificati a Cinisello Balsamo. Il più grave è da considerarsi l’aggressione avvenuta, nei giardini di Villa Ghirlanda, ai danni di una ragazza provocandole varie escoriazioni, poi medicate all’ospedale.

La giovane è stata violentemente strattonata e gettata a terra da dei minorenni che in gruppi si aggirano tra il verde della Villa e spesso si rendono protagonisti di provocazioni nei confronti dei cittadini. Ancor più inquietante è il movente che avrebbe spinto i teppisti a far del male alla giovane: perché portava un capello con scritto LGBT, segno distintivo della comunità gay.

A pochi metri di distanza, in via Frova sempre in centro città, venivano divelti i cartelloni della mostra fotografica allestita da Mufoco sul calcio cinesellese. Le immagini squarciate raffiguravano gioiosi momenti del locale calcio femminile. Un dato e un particolare su cui ulteriormente riflettere. Il Sindaco, Ghilardi, ha stigmatizzato e minacciato dure punizioni.

Ci sarebbe da chiedergli: come mai le tante promesse sicuritarie di ordine e di disciplina, evocate a più riprese (e corroborate da un cospicuo rinforzo di mezzi e denari) per recuperare su una presunta “carenza di legalità” nel nostro territorio offrano questi tristi risultati. Con tutta probabilità la strada da percorrere sarebbe un’altra e dovrebbe passare dalle scuole e da un corretto e costante rapporto con le aree di disagio che permangono a Cinisello Balsamo.

Ivano Bison

Articolo precedente

Sesto, altri asili esternalizzati dalla giunta. Il PD non ci sta

Articolo successivo

Omofobia in Villa Ghirlanda. Catania all’attacco: “La giunta censura il tema”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.