5 Luglio 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Lo stabile di via Cremona finisce all’asta. Protestano i movimenti degli inquilini

Sta per essere battuto all’asta lo stabile di via Cremona 10 a Cinisello Balsamo, dove da 6 anni hanno trovato riparto alcune famiglie sfrattate per morosità incolpevole. Lo stabile era abbandonato da anni e il Collettivo 20092, il Movimento Casa Cinisello e l’Unione Inquilini decisero di sostenere questa azione impegnandosi a costruire un progetto abitativo, sociale e politico insieme con le famiglie occupanti.

“Oggi lo Spazio – si legge in una nota dei movimenti per la casa – oltre ad essere sede di laboratori artistici, linguistici, artigianali, è anche sede della Brigata di solidarietà popolare che da gennaio 2021 ha cominciato a tessere una rete di sostegno con una sessantina di nuclei familiari in difficoltà attraverso la distribuzione di beni di prima necessità”.

Sono tre le aste pubbliche andate deserte, gestite dal Tribunale di Milano. Ed oggi il Tribunale di Monza, attuale amministratore dello stabile, riproverà a venderlo, e “ha già dichiarato – afferma la nota – la volontà di sgomberare prima ancora dell’eventuale vendita e senza alcun progetto di utilizzo dello stabile, solo per fare cassa”.

“L’Amministrazione Comunale tace – continua il comunicato delle tre associazioni – nonostante la propria responsabilità verso la salute dei propri cittadini, a maggior ragione in questo momento di crisi sanitaria e sociale e sembra non voler affrontare, in maniera efficacie, il problema abitativo in città che non è definibile neppure più “emergenziale” ma ormai strutturale, vista la crescita, in questi anni, del numero di sfratti e pignoramenti da un lato e l’insufficienza di alloggi pubblici a canone sociale
e altre soluzioni dall’altro. Solo nella struttura autogestita di via Cremona 10, in 6 anni, hanno abitato, per periodi più o meno lunghi, più di 40 famiglie del territorio”.

Collettivo 20092 insieme a Movimento Casa, Unione Inquilini, Brigata Orso hanno indetto un’iniziativa pubblica per sabato 3 luglio alle 16.30 in piazza Costa, in difesa dello Spazio 20092 e delle sue attività. Si terrà un dibattito pubblico sul tema delle emergenze sociali nel territorio, il valore e l’uso dello spazio pubblico, la costruzione di beni comuni e pratiche di mutuo soccorso.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Bresso non commemora il suo martire-partigiano. E scoppia la polemica

Articolo successivo

“Piccola politica, per piccoli sindaci”: il PD all’attacco sulla Tari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.