Via De Vizzi il Comune rimedia. Ma il vicesindaco se la prende con chi critica

In via De Vizzi i tecnici stanno provvedendo a porre rimedio agli errori di pavimentazione che rischiavano di far morire gli alberi situati sui marciapiedi. Anche in piazza Gramsci, come abbiamo riportato ieri, si stanno posizionando gli alberi in luogo a quelli tagliati nelle scorse settimane. A riprova che la gestione del verde, come del resto tutta la Pubblica Amministrazione, non sia cosa privata viene dalla positiva notizia che il Comune mostra la necessaria solerzia quando a sollecitare sono i cittadini.

Dovrebbe considerarsi pratica normale in un rapporto di corrette relazioni con l’insieme della comunità locale: le persone chiedono spiegazione e l’Ente pubblico risponde e informa. Tutto assai semplice. Evidentemente non la pensa così Giuseppe Berlino, il Vicesindaco, il quale rivela questi interventi lasciandosi andare a rancorosi rigurgiti verbali contro chi, per conto dei cittadini, ha formulato domande su questioni che in gran parte sono ancora da risolvere. Lo apprendiamo da un post editato sul suo profilo.

Una scelta molto diffusa a palazzo Confalonieri che pare sia fatta apposta per confondere i piani della comunicazione istituzionale. Berlino, non è un semplice cittadino, non occupa quel posto solo per dare conto a chi gli ha dato il voto. Si trova lassù, pro tempore. Non siamo più all’epoca delle “paulette” cioè quando chi assumeva le cariche le teneva per diritto ereditario. Deve rispondere a tutti e se proprio non riesce a frenare i propri istinti, almeno lo faccia con un freddo linguaggio burocratico e non così sguaiatamente.

Ivano Bison

Ivano Bison

Articolo precedente

Maria, Dina, Ines e le altre partigiane che fondarono l’UDI a Cinisello

Articolo successivo

Tesi di laurea discusse in Villa Casati, ok alla mozione del PD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Cliccando su “Accetto” acconsenti all’uso dei cookie.