7 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Tre consiglieri passano a Fratelli D’Italia. La giunta Cairo svolta a destra

Fratelli D’Italia è, stando ai sondaggi, il secondo partito dopo la Lega e d ha superato il PD. La corsa della Meloni non sembra avere ostacoli e anche nei territori ci si adegua. L’antica tradizione italica del cambio di casacca o dell’abbando della nave che affonda per salire su quella che procede vento in poppa, non poteva non interessare anche la politica locale. Così a Bresso tre consiglieri comunali creano il gruppo di Fratelli D’Italia e spostano a destra la giunta del sindaco Simone Cairo.

Accade tutto nella seduta del consiglio comunale di ieri sera quando il presidente del consiglio comunale Maurizio Pagano e la consigliera Paola Maggiore, eletti nelle file di Forza Italia, e Davide Palmisano della lista civica “Bresso nel Cuore” hanno costituito il nuovo gruppo. Che è destinato a fare rumore e soprattutto a rimettere in discussione gli equilibri della giunta del sindaco Cairo, che adesso dovrà farei conti con l’estrema destra.

“Gli elettori moderati di Forza Italia e della Civica Bresso nel Cuore, che erano stati determinanti per l’elezione del Sindaco Cairo, perdono quindi rappresentanza in città e in consiglio, mentre si rafforza la Destra radicale”, afferma Ugo Vecchiarelli, ex sindaco dem di Bresso, che aggiunge: “Dopo soli 3 anni di amministrazione, viene alla luce il vero volto di un amministrazione che si proponeva di “fare meglio”, ma che nella realtà pratica il peggior trasformismo, chiedendo i voti ai moderati per poi donarli alla destra estrema”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

“Tasse alle stelle e ritardi sugli appalti”, il PD attacca la giunta

Articolo successivo

Il sindaco visita Borgomisto e scatta seflie, ma i probemi restano

2 commenti

  • Ma , le scelte di consiglieri legittimamente eletti ed impegnati nel l’impegnò civico ed amministrativo di Bresso e dei bressesi non possono e non devono essere commentate da chi viceversa dopo essere stato giubilato nel suo nuovo mandato di sindaco si è perfino dimesso da consigliere d’opposizione per optare per un più compiacente obolo a nomina politica. Essere d’accordo con quello che fu lo spirito dell’origine del Popolo delle libertà , è revisionismo proiettato nel futuro e non è detto che questo non possa essere progetto di prospettiva per molti nel centro destra se non addirittura pet tutti. Pagano Maurizio.

  • Ma , le scelte di consiglieri legittimamente eletti e coinvolti nelll’impegnò civico ed amministrativo di Bresso e dei bressesi non possono e non devono essere commentate da chi viceversa dopo essere stato giubilato nel suo nuovo mandato di sindaco si è perfino dimesso da consigliere d’opposizione per optare per un più compiacente obolo a nomina politica. Essere d’accordo con quello che fu lo spirito dell’origine del Popolo delle libertà , è revisionismo proiettato nel futuro e non è detto che questo non possa essere progetto di prospettiva per molti nel centro destra se non addirittura pet tutti. Pagano Maurizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.