11 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Festa per il Giro ma c’è chi è deluso: “Crocetta dimenticata dal comune”

Il Giro d’Italia, un percorso di 3.410 km, iniziato l’8 maggio a Torino, ha concluso la sua ultima tappa, la 21esima, domenica 30 maggio partendo da Senago con destinazione Milano, vincitore Egan Bernal. Un evento sportivo importante, atteso da tutti, piccoli e grandi, appassionati di ciclismo o semplicemente amatori del buono sport.

Cinisello era in trepida attesa: “Passa proprio nella mia via, potrò vederli sfrecciare dalla mia finestra di casa, che emozione potergli gridare il nostro affetto e incitarli” – sono alcuni dei commenti positivi degli abitanti del Quartiere Crocetta. La città in questi giorni si è vestita a festa e il colore che addobbava le vetrine, le strade, gli alberi era il rosa, il colore che rappresenta il Giro d’Italia.

Ma non dappertutto, non in Crocetta dove sono state chiuse sì le vie, ma non ci si è ricordati dei suoi negozianti. Le vetrine non erano addobbate, le strade nemmeno. “Sono molto molto delusa-dice Mirella, proprietaria insieme al marito della Pasticceria Andrea, l’incrocio che divide i due ponti tra Cinisello e Sesto era chiuso al traffico, il mio negozio è proprio sulla strada, c’era la televisione a riprendere la corsa e ad intervistare il campione Gianbattista Baronchelli e la mia vetrina come le altre del quartiere, era tristemente priva di qualsiasi gadget che invece abbondavano sulle altre vetrine del resto di Cinisello. Il Comune si è dimenticato di noi! Si parla tanto ma si fa poco, inutile promettere, la realtà è che della Crocetta ci si dimentica”.

Stefania Vezzani

Vivo a Cinisello da sempre e mi ritengo una persona fortunata: ho avuto nonni speciali e ho genitori affettuosi. Mi hanno resa forte, ottimista, mi hanno insegnato che nella vita se hai qualcosa lo devi condividere. Da qui il mio forte bisogno di rendermi utile. Vivo con questa filosofia:  "Chiediti se ciò che fai agli altri, ti farebbe del male se a riceverlo fossi tu". Collaboro col giornale dal 2013, mamma di tre figli, felicemente sposata, ritengo un dono l'amicizia, sono allegra, amo leggere, scrivere, cucinare, camminare, adoro stare all'aria aperta.

Articolo precedente

“Libertà educativa”, così la giunta interpreta la Festa della Repubblica

Articolo successivo

Proteste per il semaforo-trappola. Multe per 300 mila euro in due mesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.