Cormano assediata dalla sporcizia. “Cura della città ai minimi storici”

Le segnalazioni si susseguono quotidianamente. Rifiuti abbandonati e sporcizia anche nei pressi dei nuovi cestini “anti-cornacchie”, che l’amministrazione comunale ha fatto installare di recedente un po’ ovunque. Negli ultimi tempi pare che Cormano, a detta di molti cittadini, sia più sporca e trasandata che mai. Oltre a cartacce di ogni genere e sacchetti abbandonati nelle aiuole e per le strade, ci si imbatte anche in anche mini-discariche all’aperto, come quella ormai storica della rampa che conduce alla Milano-Meda, dove si possono trovare scarti di lavorazioni edili di ogni genere.

Le polemiche non mancano, soprattuto rivolte alla giunta di centrodestra, vittoriosa due anni fa anche grazie ad un’intensa campagna elettorale puntata sulla denuncia quotidiana del degrado del territorio. Allora i colpevoli erano da indicare nella giunta di centrosinistra, oggi per la maggioranza civico-leghista le responsabilità sono da attribbuire ai cittadini maleducati che inquinano appena possono farlo. Resta il fatto che la sporcizia è un fatto tangibile, oltre che occasione di polemica politica.

A segnalare lo stato delle cose anche il segretario del PD, Marco Pilotti, che con una foto postata sui social certifica ciò che quotidianamente avviene per le strade cormanesi: “Prima erano le cornacchie, poi ci sono gli incivili. Tutto quello che volete. Sta di fatto che da un po’ di tempo la cura di questa città è ai minimi storici”.

Redazione

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Cinisello, si dimette consigliere leghista e Zonca passa al Carroccio

Articolo successivo

Giro 2021:ritorno tra le strade di Carlo Oriani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Cliccando su “Accetto” acconsenti all’uso dei cookie.