7 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Migranti, Ghilardi non regge le critiche della Gasparini: “Ospitali a casa tua”

Reagisce a muso duro alle critiche avanzate nei giorni scorsi delle opposizioni di centrosinistra dopo le sue dichiarazioni contro l’accoglienza a Cinisello Balsamo di nuovi migranti. E’ il sindaco leghista Giacomo Ghilardi che in un lungo post su Facebook si lancia in un attacco contro il Partito Democratico in cui non risparmia parole pesantissime nei riguardi di Daniela Gasparini.

L’ex sindaca dem aveva criticato la presa di posizione di Ghilardi sull’eventuale accoglienza dei migranti sbarcati a Lampedusa nei giorni scorsi. “Questa nuova posizione dei Sindaci leghisti è strumentale ed elettorale e alimenta solo tensioni e paure. I Sindaci dovrebbero sempre evitare di creare tensioni e garantire una serena e civile convivenza, in particolare a Cinisello Balsamo dove vivono migliaia di nuovi immigrati. Mi dispiace l’Incoerenza del Sindaco Ghilardi che si professa cristiano-cattolico, in quanto l’accoglienza é uno dei pilastri dei valori cristiani”, aveva scritto la Gasparini.

Tanto è bastato per scatenare l’ira del primo cittadino di Cinisello: “Cara Gasparini quanti ce ne stanno (di migranti ndr) a casa tua con una villa in città, una villa al mare e un vitalizio da parlamentare?”, scrive e aggiunge: “Sono stato criticato a livello personale, anche da chi, come l’ex onorevole e sindaco Gasparini, in parlamento difendeva i vitalizi per i parlamentari per non finire a fare la “sguattera”, definizione tutta sua, utilizzata senza alcun rispetto, che dall’alto del suo scranno e del suo stipendio predica il valore dell’accoglienza e a Cinisello Balsamo regalava errori e orrori che tutt’oggi ci tocca risolvere… Caronte vi dice nulla? Dalle parole ai fatti passa un fiume”.

Il sindaco, pizzicato dalle critiche che gli arrivano da più parti, perde letteralmente le staffe e pare un fiume in piena. Il suo bersaglio, oltre la Gasparini, è il PD, colpevole di aver proposto una misura di equità fiscale con un prelievo sulle successioni di grandi patrimoni. Alla sola parola tasse, i leghisti sembrano perdere la bussola e partono all’attacco a testa bassa: “Letta, segretario del PD, prima vuole inserire una nuova patrimoniale e poi si accanisce sui cittadini colpiti da lutto familiare con la proposta di introdurre la tassa di successione. In Italia la maggior parte dei patrimoni sono frutto di risparmi e del lavoro di piccole e medie imprese, che hanno il più alto livello di tassazione nel mondo, creano lavoro, per sé e per i propri dipendenti, creando valore anche per i giovani. Ma si sa, l’assistenzialismo fine a sé stesso è per il PD la soluzione a tutti i problemi e non lo è la dignità di un lavoro. Bene ha fatto Mario Draghi a dire che è il momento di dare e non di togliere”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Borgomisto. Incontro sindaco-cittadini: poche certezze sulla soluzione dei problemi

Articolo successivo

Daniela Gasparini risponde a Ghilardi: “Basta fake news. Io aggredita”

2 commenti

  • Certo che da una persona con ruolo importante, Sindaco, della Città e per di più che si dichiara “cattolico credente e professante religioso, mi sarei aspettato la solidarietà e l’ascolto del forte richiamo di Papa Francesco Accoglienza… Tutti Fratelli…

  • La tari sta per aumentare. Tanto. A Cinisello. Tutti dovranno pagarla, non solo l’1% degli straricchi. Direi che l’indignazione di Gilardi è fine alla propaganda politica di bassa lega.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.