12 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Sesto, scontento tra gli ambulanti dei mercati

A Sesto vi sono numerose vie che ospitano una o due volte a settimana le bancarelle dei mercati ambulanti. Pare che proprio tra questi piccoli commercianti ci sia agitazione e scontento perché molti di loro sono stati costretti a spostarsi dalla posizione che occupavano da anni, addirittura da una parte all’altra della ferrovia. Alcuni, per esempio, dapprima in via Puricelli Guerra sono stati spostati in via Corridoni.

È facile capire come questo cambiamento provochi delle gravi e serie conseguenze economiche a queste piccole attività che rischiano così di perdere la loro clientela abituale, composta per lo più da cittadini, spesso anziani, che si recano a piedi per acquistare presso le loro bancarelle di fiducia, come ad un appuntamento quasi tradizionale. Non disponendo più di questa comodità, i clienti saranno portati adesso a comprare in un supermercato e questo “favorirà ancora una volta la grande distribuzione a scapito dei piccoli commercianti”, commenta il PD, aggiungendo che “quindi il Sindaco impone d’autorità un cambio molto grave per l’economica di decine di commercianti e per la comodità di tanti cittadini”.

Pare che la motivazione alla base di tale decisione sia quella di favorire il traffico, liberando alcune vie, prima intralciate dalle bancarelle, presenti però, da decenni, e per un tempo limitato, solo poche ore a settimana. “In questo modo sono stati cancellati con un colpo di spugna dall’Amministrazione comunale alcuni mercatini tradizionali”, scrive il PD. 

Elisa Mariam Rady

Mi chiamo Elisa Mariam Rady e sono una studentessa di 24 anni, attualmente iscritta al secondo anno di magistrale in giornalismo presso l'Università di Parma. Sono una ragazza determinata, umile e volenterosa, mi nutro di curiosità ed entusiasmo. Sogno una carriera da giornalista e scrittrice.

Articolo precedente

Crocetta, raccolte 400 firme: ok dal comune al nuovo playground

Articolo successivo

Scuole paritarie, stipulata la convenzione: dal comune 200 mila euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.