30 Novembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

L’associazione DireFareDare e un progetto di valore a Sesto

DireFareDare aps è un’associazione di promozione sociale e culturale, abbastanza giovane e piccola; ha solo dieci anni, ma sogna in grande. Con i suoi volontari e grazie alle competenze di persone che regalano e condividono le loro esperienze, l’associazione si occupa di trasmettere messaggi attraverso la cultura (eventi, teatro, gruppi di lettura e musicali ecc.).

DireFareDare, insieme ad Associazione per un centro sociale in quartiere (Centro Sociale Baldina), Ventimila Leghe e Freecamera,  ha presentato a Fondazione Nord Milano, all’interno del bando “Che bello essere noi” e del progetto “Luoghi di Trasferimento Culturale”, un progetto di valore e ambizioso che, è poi stato selezionato e finanziato. Esso corrisponde alla creazione di un polo culturale, un luogo comunitario, situato a Sesto in Via dei Partigiani e che è stato inaugurato da poco. Usando le stesse parole dell’associazione per descriverlo: “è uno spazio di socialità e sperimentazione dove trovare percorsi di cittadinanza attiva a cui partecipare, incontri di sostegno, punti informativi e di consulenza, banca del tempo, condivisione di competenze”. Sono molte le associazioni e realtà coinvolte e che contribuiranno a creare uno spazio dove si intersechino crescita e riflessione, rigenerazione urbana ed inclusione, ricerca artistica e progettazione sociale. C’è la volontà di intitolare questo luogo a Giulio Regeni per dare subito, a partire dal nome, contezza dello scopo e monito che muove questi soggetti e la loro attività, ovvero, prima fra tutte, il rispetto per le persone. Le associazioni sono in attesa dell’approvazione della famiglia di Giulio.  

L’insieme delle associazioni e soggetti che contribuiscono a questo progetto sono: in primis, DireFareDare che propone diverse attività tutte volte all’inclusione e all’aiuto vicendevole; Auser che sarà  presente con i suoi volontari per dare risposte alle tante necessità delle persone anziane e delle loro famiglie; Gaymin Out – LGBT Nord Milano, un’associazione nata nel 2016 a Cinisello Balsamo, la cui missione è quella di rendere la provincia un luogo inclusivo per tutti e tutte, sensibilizzando la popolazione sulle tematiche legate all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Per continuare: Terramara, un’associazione culturale per lo più di giovani che portano in dote le loro competenze artistiche per dar vita ad eventi, percorsi aggregativi, opportunità ed incontri culturali, ricerca e conoscenza del territorio; il C.A.I (Club Alpino Italiano Sez. Sesto San Giovanni) con la loro passione per la montagna e l’impegno nella tutela attiva dell’ambiente; L’Alveare che dice sì!, organizzazione che ha a cuore la sensibilizzazione sul consumo alimentare responsabile e la scoperta di produttori locali; Ventimila Leghe, associazione storica, che promuove nel territorio una cultura della differenza, della pace ispirata ai valori dell’interculturalità e tutela della memoria e che, nel luogo comunitario, aprirà percorsi di ascolto e counseling; e infine, La Grande Casa, cooperativa sociale che ha come obiettivo principale l’accompagnamento di persone fragili, e che organizzerà dei progetti culturali, attività ricreative, per far emergere le difficoltà, stando insieme.

 Ida Spalla, in rappresentanza di DireFareDare, dice: “Attuare il lavoro di rete tra tutti i soggetti significa darsi una mano, crescere, ottenere un arricchimento in più. Spero che questo progetto sia la dimostrazione che lavorare insieme è sempre meglio!”.

Elisa Mariam Rady

Mi chiamo Elisa Mariam Rady e sono una studentessa di 24 anni, attualmente iscritta al secondo anno di magistrale in giornalismo presso l'Università di Parma. Sono una ragazza determinata, umile e volenterosa, mi nutro di curiosità ed entusiasmo. Sogno una carriera da giornalista e scrittrice.

Articolo precedente

Carlo Lio perde il posto in Regione. “Titolo di studio inadeguato”

Articolo successivo

Scuola, sport e lotta alla violenza di genere. Sì alle proposte del centrosinistra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.