4 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Orari liberi per parrucchieri ed estetisti di Cinisello. Arriva l’ordinanza del sindaco

Parrucchieri ed estetisti in autogestione a Cinisello. Una nuova ordinanza della giunta permette loro di decidere in proprio gli orari di apertura e il giorno di chiusura per consentire di recuperare le ore di lavoro perdute durante le chiusure della zona rossa.

Il 12 aprile scorso il comune aveva consentuto alle aperture nei festivi. Oggi rilancia, liberalizzando gli orari e delle giornate di apertura per le stesse attività, che potranno scegliere quando tenere aperto o chiudere durante la settimana, domeniche e festivi compresi, nella fascia oraria compresa tre le ore 7 e le ore 22, con l’unico obbligo di chiusura nei giorni di Natale e Pasqua.

Agli stessi commercianti viene lasciata anche la facoltà di effettuare l’orario continuato e la prosecuzione dell’attività a porte chiuse, senza possibilità di accesso dall’esterno, allo scopo di servire la clientela già presente nel negozio all’orario di chiusura stabilito, così come viene data la facoltà di scegliere anche la chiusura infrasettimanale. Compito delle singole attività sarà quello di rispettare l’orario prescelto e renderlo noto al pubblico attraverso cartelli o altri strumenti di informazione; non sono invece previsti obblighi di comunicazione preventiva dell’orario in Comune.

“Quest’ordinanza non solo va in aiuto ai commercianti permettendo loro di decidere
comodamente gli orari e i giorni delle loro attività, ma anche alle esigenze dei cittadini –
ha dichiarato il Sindaco, Giacomo Ghilardi -. Come Amministrazione vogliamo agevolare il più possibile tutte la popolazione e riteniamo che la discrezionalità nelle aperture per alcuni servizi sia importante anche per aiutare a garantire la sicurezza nella fruizione degli spazi, in ottemperanza alla normativa vigente”.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Beato Carino da Balsamo, la ricostruzione storica che non convince. Lettera di un cittadino

Articolo successivo

Primo Maggio in ricordo delle vittime sul lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.