13 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

25 Aprile, la giunta celebra senza l’Anpi. Polemiche dopo la rottura

Un 25 Aprile da separati in casa tra giunta comunale e Anpi a Cinisello Balsamo. Nella giornata di ieri sono state due le celebrazioni per la Liberazione. Quella ufficiale, organizzata dal comune alla presenza di sindaco e alcune associazioni, con la deposizione della corona ai caduti e l’altra, ovvero il presidio organizzato da Anpi al Monumento ai Partigiani, in via Mariani-piazza Italia. Quest’ultima molto partecipata anche se in osservanza delle disposizioni anti-covid.

Una spaccatura che sta provocando polemiche. A prendere la parola è Daniela Gasparini, già sindaca di Cinisello e parlamentare del PD, che in un post su Facebook scrive: “Proprio in una fase in cui si inneggia ai valori della collaborazione e condivisione, il Comune non organizza il 25 aprile con l’ANPI e con tutte le associazioni impegnate nella difesa della Costituzione nata dalla Resistenza. È una scelta incomprensibile per una città che ha sempre festeggiato il XXV Aprile senza polemiche. Uno spirito unitario che voglio ricordare con due persone “simbolo”: Gaetano Latino e il prof. Morandi. Un laico comunista e un cattolico che insieme andavano nelle scuole a raccontare della Resistenza e la Costituzione”.

Uno spirito unitario che quest’anno è andato perso. L’amministrazione ha organizzato la presentazione, venerdì scorso, del libro di Ezio Meroni “Angela” e durante la giornata del 25 aprile c’è stata l’inaugurazione della sede dell’associazione nazionale Partigiani Cristiani. Ma con l’Associazione Nazionale Partigiani D’Italia è rimasto il gelo. Sono in molti a domandarsi come è stato possibile per l’amministrazione comunale non organizzare il 25 Aprile mantenendo indispensabile e prioritario il dialogo con Anpi. Come accade da sempre in ogni comune italiano.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Cascina Gatti, il PD al presidio di sabato. Continua la protesta

Articolo successivo

Assembrati, senza mascherine e zero controlli. Presidio no-vax a Cinisello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.