11 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Parola d’ordine “inclusione scolastica”, cosi l’istituto Falck è tornato a splendere

di Carla Tanzi

C’è una scuola Secondaria di Secondo Grado, a Cinisello, poco nota. Una Scuola che negli anni non era stata sufficientemente valorizzata, una pietra grezza da lavorare. Il nuovo Dirigente Scolastico, il professor Daniele Laurente di Biasio, ci ha creduto e insieme agli insegnanti e a tutto il personale scolastico ha ridisegnato il suo progesso di Scuola, un progetto che sta prendendo forma e che regala i suoi frutti.

Una scuola aperta ai bisogni degli studenti, che cerca di non lasciare indietro nessuno; che con i docenti mantiere un contatto puntuale e attento nei confronti delle famiglie; perchè la scuola sono anche i genitori degli studenti coinvolti. Si parla dell’Istituto I.P.C.S.S.C.T.S. “Enrico Falck”. Il Dirigente la descrive in questo modo “una Comunità Scolastica che si propone la formazione intellettuale, morale e fisica dei giovani, ispirando l’attività educativa ai principi democratici della Costituzione. Il motto di questa scuola è: Chi impara sa guardare ed andare lontano!”

L’Istituto Falck è composto da tre sedi, quella di Sesto San Giovanni (sede centrale) composta da un totale di 400 studenti. Quella di Cologno Monzese per un totale di 131 studenti e la sede di Cinisello Balsamo in via Di Vittorio, con un totale di 256 studenti.

Nell’anno scolastico 2021/2021 sono stati registrati un totale di 787 alunni, 38 classi. Con il lavoro costante dei Docenti e del Dirigente il numero delle iscrizioni è destinato a salire, un progressivo aumento del 2% anno su anno, confermato anche dal numero degli iscritti per l’anno 2021/2022. Nonostante il Covid19 il risultato è davvero confortante. La scuola offre agli studenti diversi ambienti didattici come i laboratori Multimediali, di cinema, di scienze e medicina, l’alula magna e tre palestre. E sono numerosi i progetti sul’inclusione digitale ma anche all’educazione civica e alla legalità.

La Scuola persegue l’obiettivo di: valorizzare e potenziare le competenze linguistiche, Italiano, Inglese e le principali lingue dell’Unione Europea attraverso la metodologia “ Content language integrated learning”; potenziare le competenze matematico-logiche e scientifiche; Potenziare le competenze nella pratica e nella cultura musicali, nell’arte e nella storia dell’arte, nel cinema, nelle tecniche e nei media di produzione e di diffusione delle immagini e dei suoni, anche mediante il coinvolgimento dei musei e degli altri istituti pubblici e privati operanti in tali settori.

Particolare attenzione viene dedicata allo sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell’educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell’assunzione di responsabilità nonché della
solidarietà e della cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri.

Non vengono trascurati il potenziamento delle conoscenze in materia giuridica ed economico-finanziarie e vengono trattati con cura anche le discipline motorie. Gli studenti vengono continuamente sollecitati verso comportamenti ispirati a uno stile di vita sano, con particolare riferimento all’alimentazione, all’educazione fisica e allo sport. Viene preservato il diritto allo studio degli studenti praticanti attività sportiva agonistica.

I laboratori sedicati consentono lo sviluppo delle competenze digitali, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all’utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro Prevenzione e contrasto della dispersione scolastica, di ogni forma di discriminazione e del bullismo, anche informatico.

La parola d’ordine è “Inclusione Scolastica!” gli alunni con bisogni educativi speciali seguono percorsi individualizzati e personalizzati anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-sanitari ed educativi del territorio e delle associazioni di settore e l’applicazione delle linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati, emanate dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca il 18 dicembre 2014. Incremento dell’alternanza scuola- lavoro nel secondo ciclo di istruzione.

Negli anni passati sono state effettuate numerosi Stage Linguistici (viaggi d’istruzione), dove gli studenti hanno avuto la possibilità di recarsi presso le città di Malaga, Nizza, Strasburgo. Insomma, una scuola di cui a Cinisello si parla poco; piccola, curata e attenta e che sta crescendo dal punto di vista della popolazione scolastica e del grado di soddisfazione segnalato dall’utenza.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

25 Aprile, dal PD Cormano una serata in onore delle staffette partigiane

Articolo successivo

“Vergognoso teatrino politico”, l’associazione Sottocorno all’attacco sull’ambiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.