15 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

I libri del Pertini in prestito anche nei negozi. Nasce “Books&TheCity”

Negozi di vicinato come punti per il prestito di libri, musica e film del “Pertini”. La pandemia picchia duro e allontana le riaperture di biblioteche e spazi della cultura, così il comune di Cinisello Balsamo cerca di correre ai ripari affindando ai negozianti disponibili la possibilità di esporre e prestare il materiale della biblioteca civica, estendendo di fatto le potenzialità del servizio e fornendo ai commercianti maggiore visibilità. L’idea è venuta all’assessorato alla cultura insieme con quello per il commercio e si è trasformata in un progetto chiamato “Books&TheCity”.

“Libri in Negozio” è un modo innovativo per promuovere la lettura e, soprattutto, di estendere e rendere più semplice il servizio prestiti del Pertini – ha spiegato l’assessore alla Cultura Daniela Maggi – Insieme ai nostri bibliotecari abbiamo pensato a come poter promuovere ed incentivare la cultura, nello stesso tempo a come rispondere all’esigenza di supportare il commercio locale. L’idea è stata quella di portare il Pertini fuori dal proprio perimetro attraverso gli esercizi commerciali. Il tutto secondo protocolli di sicurezza e nel rispetto delle normative”.

“Il filo conduttore deve essere quello di creare una rete solidale di promozione e supporto per chi sta pagando più di altri gli effetti economici del Covid-19 – ha detto il vicesindaco con delega al Commercio Giuseppe Berlino – Il progetto unisce due aspetti: l’opportunità per i lettori abituali di usufruire del servizio prestiti e la possibilità a chi entra in negozio, anche solo perché attratto da un titolo interessante, di fare un acquisto diventando magari un nuovo cliente. Cultura e commercio possono essere un’alleanza strategica per centrare due obiettivi come la promozione della cultura e la rivitalizzazione del commercio cittadino. E devo dire che i rappresentanti dei commercianti locali, a cui abbiamo anticipato tale proposta, hanno manifestato senza indugi il loro apprezzamento, dando massima disponibilità alla collaborazione”.

Il progetto è ai nastri di partenza, in questi giorni sarà inviata una lettera a tutti i commercianti del territorio per raccogliere le adesioni all’iniziativa. I negozi che parteciperanno potranno essere identificati dai cittadini grazie alla particolare vetrofania con il logo del progetto Books&TheCity.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

La Giunta si costituisce parte civile ma non specifica per quale reato e in quale processo

Articolo successivo

I giornalisti de Il Bullone riconosciuti come pubblicisti. Anche una tessera alla memoria della sestese Eleonora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.