4 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Le associazioni ambientaliste unite chiedono le dimissioni dell’assessora Magro

L’Associazione Sottocorno, con un comunicato stampa pubblicato oggi e insieme ad altre realtà ambientaliste, chiede le dimissioni dell’assessore all’ambiente, Alessandra Magro.

“L’Associazione Sottocorno, dopo una serie lunga di eventi (dove gli abbattimenti nel parco della Bergamella rappresentano solo gli ultimi episodi) rilevati in questi anni, chiede pubblicamente le dimissioni dell’Assessore all’Ambiente Alessandra Magro, o meglio chiede al Sindaco la sostituzione immediata per l’incapacità dimostrata a gestire i temi ambientali sul territorio comunale, a relazionarsi con le realtà del territorio presenti, indipendentemente che queste siano critiche o propositive. Dialogare non significa dare risposte via mail preventivamente ricevute, significa discutere, comprendere, parlare mettendosi in discussione, sviluppando progetti comuni senza voler imporre progetti definiti e chiusi, soprattutto sapendo dare risposte concrete a domande lecite e pertinenti considerando che Sesto San Giovanni è stata dichiarata ormai da anni Sito di Interesse Nazionale a causa dell’inquinamento diffuso lasciato in eredità dalla più grande ex area industriale d’Europa con soglie di inquinamento allarmanti, una percentuale di aree verdi bassa rispetto al numero di abitanti, ha un inceneritore, è attraversato da un fiume inquinato, problemi con la falda acquifera e problematiche di abbandono di rifiuti nelle aree periferiche, senza dimenticare di avere da decenni un traffico di attraversamento elevato a causa del casello sulla tangenziale. Siamo nel nuovo millennio, nell’era dei cambiamenti climatici, si parla di trasformazione ecologica delle aree urbane, di foreste urbane ma qui non c’è nessuna strategia, nessuna idea, nessun progetto ambientale degno di nota, siamo semplicemente fermi”.

Questa la dichiarazione firmata dal Consiglio Direttivo dell’Associazione e sottoscritta dal Comitato di Cascina Gatti, dall’ Associazione Punto Verde, Sesto Male e dall’Associazione ASPED Sesto San Giovanni. Nei giorni scorsi l’Associazione era tornata sul tema degli abbattimenti nel parco della Bergamella, sottolineando come le piantumazioni di 84 nuove specie, attestate da “selfie con pala e rastrello in mano” da parte del sindaco in compagnia dell’assessora Magro, fossero fuorvianti e di come il parco, in realtà, venga sempre più snaturato e trasformato in un semplice giardino, sì rigoglioso, colorato e ordinato, ma cosa ben diversa da un parco.

Ed ora, cosa risponderà il comune? 

Elisa Mariam Rady

Mi chiamo Elisa Mariam Rady e sono una studentessa di 24 anni, attualmente iscritta al secondo anno di magistrale in giornalismo presso l'Università di Parma. Sono una ragazza determinata, umile e volenterosa, mi nutro di curiosità ed entusiasmo. Sogno una carriera da giornalista e scrittrice.

Articolo precedente

Vietato incontrarsi al “Pertini”, il sindaco chiude l’area “causa assembramenti”

Articolo successivo

Successo del presidio per il consultorio. E il comune si muove: “Nessuna chiusura”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.