11 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Un cinisellese a Sanremo, Vegas Jones e il duetto con Aiello

Dopo le sette partecipazioni di Rosanna Fratello, le cinque di Livio Macchia, lo storico bassista dei Camaleonti, quelle di Silvio Pozzoli come corista, anche quest’anno il Festival di Sanremo vede tra gli artisti un cinisellese, si tratta di Matteo Privitera, in arte Vegas Jones. Ieri sera si è esibito nella serata delle cover con Aiello, interpretando “Gianna” di Rino Gaetano. “Chi l’avrebbe mai detto, dal quartiere all’Ariston. Domani sera canterò con @aiello_ un classico. Ci vediamo a #sanremo2021”. Queste le sue parole per annunciare su Facebook la partecipazione al Festival.

Vegas Jones, classe 1994, autore delle hit “Trankilo”e “Malibu” (oltre 70 milioni di stream su Spotify) che gli sono valse quattro dischi di platino, è un rapper che vive a Cinisello Balsamo. Dopo il liceo scientifico, si avvicina al mondo della musica inizialmente con il writing, appassionandosi fin da subito alla black music e all’ hip hop e in seguito al rap. Il suo nome d’arte arriva dalla sua passione per i film di Quentin Tarantino: Vegas in onore di Vincent Vega del film “Pulp Fiction” invece Jones si riferisce a Nas, nome d’arte di Nasir Jones, uno dei pilastri dell’hip hop americano.

In seguito alla vittoria del contest rap “Oneshotgame”, pubblica “Oro nero”, al quale seguono altri tre progetti che lo lanciano tra le classifiche musicali nazionali: “Chic Nisello” nel 2016 (collaborazioni di Nitro, Laioung, Emis Killa e Fly), “Bellaria” nel 2017 (disco d’oro), “La bella musica” nel 2019 (con la hit estiva “Puertosol” e la collaborazione con Fabri Fibra in “Presidenziale”). Pubblica poi “Giro Veloce”, un Ep con il produttore Andry the Hitmaker (collaborazioni di Salmo, Nicola Siciliano, Giaime, Tredici Pietro, Mambolosco e Joe Vain). Nel suo curriculum può vantare anche una collaborazione con il gruppo musicale statunitense OneRepublic nel brano “Start Again” e con Don Joe dei Club Dogo.

L’anno appena trascorso, un anno difficile per tutti, anche per gli artisti, non ha però spento la voglia di Vegas Jones di lavorare a nuovi progetti. “Sono tornato in studio bisognoso di fare musica e non mi sono mai divertito così tanto a creare. Non ho mai sentito un così forte bisogno di esprimermi. Ho ampliato la mia visione e mi sono ricordato di quanto sia importante sognare a occhi aperti. Sto valorizzando al meglio i mezzi che ho per dire la mia, ho fatto autocritica e ho cercato di migliorare. Giuro che senza la mia famiglia non ce l’avrei mai fatta a uscirne intero. Preparatevi a un nuovo me.”⁣

Patrizia Rulli

Articolo precedente

“A Sesto serve un presidio sanitario”, 5 stelle e centrosinistra all’attacco

Articolo successivo

Non chiamatela Festa della Donna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.