Il caso delle tasse record a Sesto. “Esagerate e sproporzionate”

Tasse “esagerate” e “sproporzionate” rispetto agli altri comuni. Sono le parole con cui Roberta Perego, capogruppo del PD a Sesto San Giovanni, definisce il livello delle tariffe locali divenuto un caso in città, che sta facendo discutere le forze politiche oltre a destare la protesta di molti cittadini.

Nell’ultimo consiglio comunale del 9 febbraio scorso, la maggioranza di centrodestra, che sostiene la giunta del sindaco leghista Roberto Di Stefano, ha aumentato la Tari del 2%, il terzo balzello in tre anni, che porta ad una maggiorazione complessiva tra il 55 e il 70%. Le proteste del PD si sono concentrate sul rincaro ma anche sull’impossibilità di condurre un dibattito approfondito sul tema, visto che i tempi a disposizione dei consiglieri comunali sono stati contingentati. Il sindaco invece ha avuto un’ora e mezza per illustrare il provvedimento. Una circostanza che ha spinto il PD a presentare una mozione di sfiducia al presidente del consiglio comunale, il forzista Giovanni Fiorino.

“Va bene il bilancio positivo, ma a che prezzo?”, continua Paola Perego, che aggiunge: “Al posto che alleggerire i cittadini, sono stati gravati ancora di più, un carico insostenibile dato che la tassazione negli ultimi tre anni è sempre in aumento”. Ma non è solo la Tari ad aumentare a Sesto. Come ha segnalato La Città nei giorni scorsi, gli aumenti tariffari (duplicati rispetto al 2019) riguardano anche i servizi funebri. “Un doppio danno e un duplice accanimento, si fa del male su un tema che moralmente sta mettendo tutti a dura prova da un anno”, conclude la Perego.

Elisa Mariam Rady

Elisa Mariam Rady

Mi chiamo Elisa Mariam Rady e sono una studentessa di 23 anni, attualmente iscritta al primo anno di magistrale in giornalismo presso l'Università di Parma. Sono una ragazza determinata, umile e volenterosa, mi nutro di curiosità ed entusiasmo. Sogno una carriera da giornalista e scrittrice.

Articolo precedente

Approvati i lavori alla centrale di Cinisello per allargare il teleriscaldamento

Articolo successivo

Due poltrone a Fratelli D’Italia al posto dei civici. Il sindaco Rocchi si salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Cliccando su “Accetto” acconsenti all’uso dei cookie.