Due poltrone a Fratelli D’Italia al posto dei civici. Il sindaco Rocchi si salva

“Con oggi si rinsaldano definitivamente i rapporti con Fratelli d’Italia dopo una fase di stallo iniziale che mi ero sin da subito impegnato personalmente a risolvere e superare così da rendere coesa la compagine dell’Amministrazione”. Angelo Rocchi, sindaco leghista di Cologno Monzese, sacrifica così un assessore civico, Giuseppe di Bari (Cologno nel Cuore) per far posto a Salvatore Lo Verso di Fratelli d’Italia, che assumerà le deleghe rilevanti di sicurezza e protezione civile, attività produttive, commercio ed edilizia privata.

Una mossa che dovrebbe chiudere le polemiche in una maggioranza litigiosa che da mesi non trovava la quadra per andare avanti. Oltre al sacrificio di Di Bari, dimessosi volontariamente, ha dovuto fare un passo indietro anche un altro esponente di Cologno nel Cuore, Antonio Cirillo, che lascia il posto di presidente del consiglio comunale e torna tra i banchi dei consiglieri. Un’altra casella libera da offrire subito agli alleati di FdI per chiudere la partita, mentre dovrebbe rientrare in giunta, con il ruolo di vicesindaco, Angelo Scalese della Lista Civica “Noi con Rocchi”, che si era dimesso qualche settimana fa non senza polemiche.

Un puzzle che Rocchi ha faticosamente ricomposto ma che testimonia il fragile equilibrio di una giunta che dopo sei mesi di vita non ha ancora ingranato. L’opposizione di centrosinistra va all’attacco. Due giorni fa il consiglio comunale previsto è stato cancellato proprio per l’empasse in maggioranza. “Questa perdurante crisi va a scapito della città in un periodo emergenziale come quello che stiamo vivendo ed è inconcepibile. Oggi pomeriggio abbiamo espresso il nostro dissenso insieme a tutti i consiglieri di opposizione”, scrivevano ieri sui social i consiglieri di opposizione del PD, pubblicando le foto di una pacifica protesta davanti al municipio.

Redazione

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Il caso delle tasse record a Sesto. “Esagerate e sproporzionate”

Articolo successivo

Dal 1 marzo vaccini a domicilio per gli over 80

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Cliccando su “Accetto” acconsenti all’uso dei cookie.