2 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Sacchi abbandonati, sporcizia e maleducazione. “Non è la Cinisello che vorrei”

Lettera di Luisa, una cittadina

Quando venni ad abitare a Cinisello, 45 anni fa, ero piena di entusiasmo: la vedevo come una grande città, ma non troppo grande, non così grande da spaventarmi. Ero più giovane, uscire la sera non mi faceva paura. Non esisteva la raccolta differenziata ma le strade erano più pulite, le persone chiudevano tutto nei sacchetti e li lasciavano a bordo strada. Mi chiedo cosa è successo oggi? Abito in largo Milano, nel quartiere Casati. Al mattino esco presto per andare in ufficio e i marciapiedi sono sporchi, pieni di spazzatura e rifiuti ingombranti abbandonati incivilmente, i cestini che dovrebbero essere utilizzati solo per i piccoli rifiuti, vengono invece utilizzati per la svogliatezza di doversi recare nel proprio punto raccolta.

Alla domenica, già nelle prime ore del pomeriggio i marciapiedi si riempiono di rifiuti. Mi chiedo perché la gente tiene così poco al decoro? Come fa a non capire che la spazzatura si può depositare in prima serata anziché nel primo pomeriggio e lasciare che si possa passeggiare senza assistere al degrado? Dalla mia finestra vedo cani scorrazzare in un giardinetto che normalmente dovrebbe essere riservato ai bambini, vedo i loro padroni che si distraggono a chattare col telefonino senza preoccuparsi di controllare dove i cani defecano lasciando i loro escrementi abbandonati e togliendo ai bambini la possibilità di giocare in tranquillità.

Vedo mamme sedute sulle panchine della piazzetta di Largo Milano, che mangiano semi di girasole lasciando a terra le bucce dando un pessimo esempio di civiltà, basterebbe buttarle in un sacchetto. Davanti al mio portone di casa, tanti mozziconi di sigaretta, lanciati dai miei vicini di casa, maleducati, che faticano a capire che potrebbero semplicemente armarsi di un posacenere!

Come possiamo sperare nei giovani, nei bambini, come possiamo pretendere in un futuro migliore se il presente dà un pessimo esempio? Spesso mi interrogo su come posso migliorare la mia comunità, non sono perfetta, commetto i miei errori, mi è capitato di voltarmi dall’altra parte se ho visto una lattina per terra, ero stanca e depressa ma riconosco di aver sbagliato. Fingere di non vedere non è la soluzione, se ognuno di noi cercasse di essere migliore, le cose andrebbero sicuramente meglio.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

L’infanzia perde il suo teatro. Per il Bì la giunta cerca un gestore factotum

Articolo successivo

“LA ROSA DEI VENTI” riporta l’esperienza del “LOMBARDINI” a Cinisello Balsamo

Un commento

  • In riferimento al commento sulla sporcizia di Cinisello, volevo segnalare che anche nella zona del centro commerciale, Brico, Lidl, Decathlon, fino al Mediaword, Sul marciapiede adiacente al V.le Brianza è tutta una pattumiera. Ho segnalato più volte al Comune ma rispondono che non è di loro competenza, eppure li è ancora Cinisello. Scritto anche a Mi e all’ANAS. Come si può risolvere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.