6 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

L’infanzia perde il suo teatro. Per il Bì la giunta cerca un gestore factotum

Un bando aperto per trovare il nuovo gestore del teatro del Bì a Cormano, che perde l’esclusiva dell’intrattenimento culturale per l’infanzia. Dopo l’addio del Teatro del Buratto che per dieci anni, dall’inugurazione fino al 2020, ha gestito la sala con attività rivolte all’infanzia, la giunta di centrodestra volta pagina con la pubblicazione di una manifestazione di interesse, che si chiude il 15 marzo 2021, rivolta agli operatori teatrali e dell’intrattenimento, cooperative e associazioni.

Oltre alla sala teatrale il bando comprende la gestione della Sala delle Arti e della caffetteria con la sala d’ingresso. I soggetti interessati, oltre alle spese di gestione, dovranno garantire un palinsesto stagionale variegato per fasce di età, oltre a riservare spazi per le iniziative dell’Amministrazione. Il bando conferisce un punteggio anche per la qualità comprovata degli eventi proposti con un riferimento anche alla notorietà dei personaggi o delle compagnie ospitate.

Viene quindi depotenziata la vocazione del Bì alle politiche per l’infanzia, come invece era nel progetto originario. Nel bando si legge che il “core target continuerà ad essere famiglie e bambini, ma le proposte teatrali e culturali si dovranno rivolgere anche ad un pubblico adulto, ai giovani e alla fascia over 60”. Un deciso cambio di prospettiva e l’apertura dell’avviso pubblico a generici soggetti culturali e non a specialisti del settore dell’infanzia potrebbe essere il segnale inequivocabile della volontà politica di modificare il progetto culturale precedente.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Le info comunali sbarcano nelle bacheche digitali dei condomini

Articolo successivo

Sacchi abbandonati, sporcizia e maleducazione. “Non è la Cinisello che vorrei”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.