Paderno si mobilita per Zaki e chiede verità per Regeni

Il primo comune del nord Milano a muoversi a favore di Patrick Zaki, lo studente egiziano incarcerato al Cairo, è Paderno Dugnano. Il consiglio comunale ha approvato un ordine del giorno che chiede la libertà per Patrick e la piena verità sul sequestro e l’uccisione di Giulio Regeni, il ricercatore italiano scomparso proprio in Egitto.

Paderno, a guida centrosinistra, sceglie dunque un’altra strada rispetto a quella percorsa da un centinaio di comuni italiani che stanno conferendo la cittadinanza onoraria a Patrick Zaki. Ma il sgnale è di quelli importanti, visto che nel’area dle nord Milano, Paderno è l’unico comune ad esprimersi con un voto d’aula su due vicende che attendono risposte.

La delibera approvata impegna Sindaco e Giunta a sensibilizzare l’opinione pubblica sul sequestro, la tortura e l’uccisione di Regeni e la detenzione di Zaki anche esponendo uno stendardo dedicato, stimolando un momento di riflessione nelle scuole e pubblicando sul sito il simbolo dell’impegno per avere verità sulla morte di Regeni. Inoltre, è stato chiesto al Sindaco e alla Giunta, di adoperarsi affinché “le autorità italiane non lascino nulla di intentato per giungere a far luce sulla tragica vicenda di Giulio Regeni nel rispetto della dignità dello Stato e di ogni suo singolo cittadino”.

Redazione

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Arriva in consiglio la richiesta per Patrick Zaki cittadino onorario di Cusano

Articolo successivo

La vecchia stazione dimenticata, ancora in attesa di un progetto

Un commento

    Avatar
  • Speriamo che sia di esempio per molti altri comuni, e che serva a far liberare al più presto Patrick Zaky e che si faccia piena luce sulla barbara uccisione di Giulio Regeni!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Cliccando su “Accetto” acconsenti all’uso dei cookie.