28 Settembre 2021

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Cormano maglia nera nel Nord Milano per i decessi nell’anno del covid

Un incremento consistente dei decessi nel 2020 fa discutere a Cormano. Nel 2020, anno orribile del covid-19, si sono contati 303 decessi rispetto ai 189 del 2019. Un anno tremendo il 2020, che supera per numero di decessi anche il 2018 in cui le morti erano state 225, mentre negli anni precedenti la media era di 190. Dati, quelli di Cormano, che fannno impallidire se confrontati a quelli della vicina Cusano Milanino, con lo stesso numero di abitanti (20mila), dove i decessi del 2020 si fermano a 236 mentre nel 2019 erano stati 206.

Un triste primato se si pensa che a Paderno Dugnano, con più del doppio degli abitanti (47mila), i morti sono stati 457 e a Cinisello Balsamo con 76 mila abitanti, quasi quattro volte Cormano, i deceduti sono stati 734. Bresso, che di abitanti ne ha 36mila, si sono contati 305 decessi, solo due decessi in più di Cormano mentre Sesto San Giovanni, con quasi 82mila abitanti, ha perso 847 cittadini.

Nel giugno scorso il report annuale demografico di Città Metropolitana indicava già Cormano come maglia nera dei decessi nell’area del Nord Milano, con un incremento dell’82% delle morti nel 2020 rispetto al 2019. Bresso era seconda ma si fermava al 70,8% dei decessi mentre al terzo posto risultava Cinisello con un incremento del 34,5% . Sesto San Giovanni contava un +33,1%. Seguiva Paderno Dugnano con una percentule del 25,8% e infine Cusano Milanino con un incremento del 19.8%.

Pesa, come ovvio, su tutti i comuni il picco dei decessi registrato tra marzo e aprile dello scorso anno che corrisponde al picco pandemico da covid-19. Nel 2019 i morti nell’intera area del Nord Milano erano stati 1.019 mentre a luglio 2020 se ne contavano 1.416 (in prevalenza uomini over 65) su una popolazione residente di 268.285 persone.

Resta aperto il caso Cormano. I dati parlano con chiarezza di un comune che prima della pandemia, nel 2019, aveva un tasso di mortalità nella media dei suoi vicini di casa. Basta confrontare il dato cormanese con Cusano Milanino: più di un terzo delle morti registrate a Cormano nel 2020 è avvenuto nel mese di marzo (62) mentre Cusano aveva numeri di poco superiori all’anno precedente (30). Un picco senz’altro dovuto all’emergenza sanitaria ma il triste primato sta già facendo discutere e aprirà, c’è da giurarci, un dibattito tra le forze politiche sulla gestione dell’emergenza sanitaria da parte della giunta di centrodestra.

(nella foto il sindaco Magistro con il consigliere regionale leghista Riccaro Pase in una consegna di mascherina nel marzo 2020)

Redazione

Redazione "La Città"

Articolo precedente

Un reparto privato nell’ospedale di Sesto tra i motivi della protesta di sabato

Articolo successivo

Mancano medici a Cinisello, “da ottobre nulla è cambiato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Cliccando su “Accetto” acconsenti all’uso dei cookie.