25 Novembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Va deserto il bando di Bresso per gli aiuti alle famiglie. “Criteri troppo restrittivi”

Poche le domande arrivate in comune a Bresso per beneficiare degli aiuti destinati a famiglie e commercianti messi in campo dall’amministrazione per l’emergenza covid-19. Il bando, che si chiudeva il 22 dicembre, è pressocché andato deserto ed era destinato a famiglie con giovani disabili, anziani over 65 con disabilità, chi ha sostenuto spese per la didattica a distanza in tempo di Covid e gli operatori del commercio. A denunciarlo sono le opposizioni di centrosinistra (PD, Sinistra Unita Bressese, Lista civica Bresso C’è e Lista Costruire Insieme) che in un comunicato congiunto fanno sapere: “A nostro avviso i requisiti e le modalità che il Comune ha pubblicato per distribuire i fondi sono stati troppo restrittivi, sia nella tempistica che nei criteri, e siamo convinti che questi bandi non abbiano raggiunto molte famiglie bisognose di aiuti economici in questo periodo”. Il centrosinistra è infatti convinto che i bisogni reali di una parte della cittadinanza siano sottoraprresentati rispetto alle domande pervenute in comune e aggiunge: “Invitiamo l’Amministrazione a riaprire i bandi per l’assegnazione dei restanti fondi. Nella speranza che questo periodo possa passare al più presto, approfittiamo per augurare buone feste a tutti i bressesi”. Il centrosinistra si è astenuto nel votto alla delibera della variazione di bilancio, che effettuava alcuni tagli per stanziare risorse da destinare all’istituzione dei bandi di aiuto. Altri aiuti, quelli alimentari, arrivano direttamente dal governo mentre da Regione Lombardia è giunto il sostegno agli affitti.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

I “nazisti dell’Illinois” non sono poi così lontani da noi

Articolo successivo

Infiltrazioni e calcinacci nei cimiteri di Cinisello, la giunta annuncia i lavori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.