2 Dicembre 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Inquinamento dell’aria, si tratta di emergenza

“Premessa grande come una casa: oggi, la priorità per il nostro territorio è uscire dall’emergenza in corso nel migliore dei modi possibili. Detto questo, diamo un senso al Covid-19 facendo tesoro di questa terribile esperienza. Tra i tanti temi aperti, partiamo da uno tra i più drammatici che insiste proprio sulle nostre teste, letteralmente!”. Quanto afferma la prof.ssa Antonietta Gatti della Società Italiana di Medicina Ambientale, dimostra che è provata la correlazione forte tra inquinamento dell’aria e vulnerabilità ai virus. Certo, non serve l’esimia scienziata per comprendere che, polmoni affaticati e corrotti pesantemente dal continuo contatto con aria inquinata, saranno sicuramente più deboli a reagire all’attacco di qualsiasi virus oltre che favorire patologie anche molto gravi. Ora scaliamo una marcia e armiamoci di sano buon senso per ragionarci un attimo sopra. La Pianura Padana, per problematiche soprattutto di carattere orografiche e climatiche, concorre a non favorire il ricambio naturale delle masse d’aria con la conseguenza che ogni anno i suoi abitanti sono costretti a respirare un’aria tra le peggiori al mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità certifica più di 45mila morti l’anno (124 morti al giorno) e ingenti costi sanitari per il nostro Paese. L’aria è una risorsa davvero preziosa: senza soldi si può resistere una vita, senza mangiare si resiste settimane, senza bere qualche giorno, senza respirare pochi secondi. L’aria non ha confini e non si può governare nei suoi spostamenti e/o concentrazioni. Ciò che è certo, è che il suo fluire penalizza nel mondo particolari territori specifici rispetto ad altri e uno di questi è proprio il nostro amato Nord. A questo punto che fare? C’è una soluzione al problema? Abbiamo due strade davanti. La prima è continuare a rispondere al problema come si è fatto da più di trent’anni, con rimedi poco o per nulla incisivi. Esiste anche una nuova seconda strada che il nostro Paese può imboccare. E questo lo può fare anche il nostro Comune, indipendentemente dalle scelte degli altri territori. E se pensiamo che sia complicato o irrealizzabile, guardiamo di cosa siamo stati capaci per l’emergenza Covid-19 e pensiamo di cosa potremmo essere capaci per l’emergenza “aria” che genera ogni santo giorno 124 decessi e valanghe di euro di spesa sanitaria. Non continuiamo a sottovalutarci, prendiamo consapevolezza piena della nostra capacità, non tanto di trovare o inventare soluzioni al problema (quelle sono già disponibili e percorribili da subito) ma di credere che possiamo farcela a trasformare Cinisello Balsamo in un esempio nel mondo per questo specifico obiettivo. Lo meritiamo noi, lo meritano ancor più i nostri figli e nipoti.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

“Mio figlio autistico mai invitato alle feste”

Articolo successivo

Alessandro De Berti, la musica incontra la pittura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.