8 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Carla Nespolo

Antifascismo e unità delle forze democratiche sono il lascito della presidente

Il 4 ottobre ci ha lasciati all’improvviso Carla Nespolo, presidente dal novembre 2017 dell’ANPI, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. Tutti noi iscritti all’associazione abbiamo appreso la notizia della sua scomparsa con stupore e profonda tristezza: se ne è andata una donna che fino alla fine ha combattuto per gli ideali in cui credeva e non ha lasciato la lotta neppure nei momenti più duri della malattia. Ancora pochi giorni fa ci era giunto un suo messaggio in cui ringraziava gli iscritti e tutti gli attivisti che si erano impegnati nella campagna referendaria per il NO che, pur sconfitto dall’esito delle urne, aveva ottenuto un consenso ben superiore a quello previsto. Inoltre, Carla Nespolo, ha  cercato di assegnare alle donne il ruolo primario che hanno avuto nella Resistenza e in generale di rafforzare il concetto di parità nella società contemporanea.

Chiudeva questo suo ultimo scritto, quasi un saluto, con queste parole: “L’ANPI era, è e resterà sempre attiva nella difesa della Repubblica antifascista e nell’impegno per la piena attuazione della sua Costituzione”. Carla scriveva: “In molti dopo il 1948 si sono chiesti: ma come hanno fatto a scrivere una Carta così equilibrata, in cui i diritti individuali si compenetrano con quelli collettivi? E lo hanno fatto, ripeto, persone con punti di vista diversi, in soli dieci mesi. Questo è potuto accadere proprio perché avevano già fatto un’esperienza di lotta e di pensiero condiviso nella Resistenza. Questa è la nostra radice: unità su obiettivi comuni, cioè costruire uno Stato antifascista libero da tutte le imposizioni, le negazioni dei diritti e gli orrori a cui ci hanno condannato il fascismo e il nazismo”. Carla Nespolo credeva nell’unità delle forze democratiche, nell’affermazione dell’antifascismo nella società, nella piena attuazione della Carta costituzionale ed è per questo che si è battuta, da vera partigiana.

Redazione "La Città"

Articolo precedente

La strage silenziosa delle vittime sul lavoro, anche ANMIL Cinisello lancia l’allarme

Articolo successivo

Tremori poetici dal “Girone di sant’Eusebio” il ritorno in libreria di Lorenzo Chiereghin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.