11 Agosto 2022

Il giornale di Cinisello Balsamo e Nord Milano

Bobo Pozzoli

Cancellare l’inno di Cinisello, la pessima idea di chi dimentica la storia

In poche parole: la Giunta, capeggiata da Giacomo Ghilardi, intende cancellare “Il Pescaluna” di Bobo Pozzoli (nella foto di Sergio Pirovano) poiché “parla delle radici ed evoca luoghi, personaggi di Cinisello. Ora serve un inno che possa riunire Cinisello e Balsamo, una canzone di tutta la città”. Aggiungendo: “Desideriamo caratterizzare ulteriormente la nostra città e valorizzarla da un punto di vista identitario”. Per tutto ciò, si è fatto affiggere un bando (la cui prima sessione pare sia andata deserta) per trovare gli autori di una nuova melodia e di un nuovo testo. 

C’è da chiedersi “perché?” Forse il Sindaco vuole ammantarsi con un nuovo vestito? Tanto per segnalare che i tempi sono cambiati? Se per “identitario” non s’intenda l’abbattimento del confine daziario, tra via Beato Carino e via Casati, ai giovani musicisti e parolieri che volessero cimentarsi si dovrebbe chiedere di rapportarsi all’attuale identità socioculturale. A quella dei molti meridionali di diversa provincia, dei marchigiani, dei sardi, dei veneti qui insediatisi negli anni e più di recente alle molte comunità straniere? O si dovrebbero limitare alle antiche radici delle due comunità, prima del 1928?  A tale scopo bisognerebbe trovare qualcuno pronto a celebrare i fasti dei Casati o dei Silva. 

I signori della Giunta non colgono l’assunto dinamico che un inno è il frutto di un’anima musicale e letteraria legata a singoli episodi e a (più o meno) ristrette cerchie di persone. Per questo, poiché piaceva o diventava usuale, penetrava prima nella testa e poi nei cuori di molti altri cittadini. Nascono e s’insediano per una chimica speciale. 

Potremmo qui raccontare delle origini di “God Save The Queen”, di “Star-Spangled Banner”, dell’inno sudista “Dixie” ma non vogliamo togliere ai signori della destra il gusto di studiare la materia. 

Per quanto nell’immaginario viene identificato “Il Pescaluna” ci va più che bene e (debbo dire) anche per come viene splendidamente cantato dai fratelli Pozzoli. E noi, assieme a loro, continueremo a fare il coro.

Ivano Bison

Articolo successivo

Cinisello piange la scomparsa di Lino Mandelli

Un commento

  • W Bobo, che con il suo inno ai Pescaluna ha già innovato e resa poetica una canzone popolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.